Quel che rimane, oltre la fuga di anni. quel che rimane sono i segni di migliaia di mani ,  tatuaggi invisibili agli occhi. quel che rimane, quando cesseranno questi dannatissimi Venti, questi vent’anni violenti, sarà l’eco di una sola parola che non ho avuto diritto a pronunciare.

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • malacarne  Il settembre 18, 2003 alle 11:44 am

    e la parola è questa:

  • anonimo  Il febbraio 19, 2005 alle 2:36 PM

    fbfxv

  • anonimo  Il luglio 4, 2005 alle 11:24 PM

    ..quel nulla di inesauribile segreto

  • anonimo  Il agosto 3, 2006 alle 6:02 PM

    felicità

  • amarantide  Il agosto 5, 2006 alle 4:52 PM

    hai messo tutto sottosopra… la leftyte ha colpito anche te? 😉

  • GiuggioleStock  Il gennaio 13, 2008 alle 5:44 PM

    salve. Attirata dal suo saggio e studiato indirizzo splinder, vengo a dirle che ormai, ‘quei dannatissimi Venti’ dovrebbero essere passati.
    Come si sente? Meglio o peggio di allora?

  • siipaziente  Il Maggio 5, 2008 alle 9:44 PM

    venerdì, aprile 18, 2008
    The Dream Watcher ( U sogno chi vuLia )

    Fimmina incosciente e senza testa fui
    quanno quattr’anni fa mi pigghiau ri scriviri
    chiù ia avanti e chiù difficili mi parìa
    parrari ri mia…
    ri mia… chi ci voli u vento chi ciucia
    e ora muta sugnu
    comu ‘na fimmina di panza.
    ricinu ca ci vonnu i sonnura pi campari
    pi gghiri avanti ‘ntra sta vita amara
    ma sonnura iu ‘u nnaju cchiù…
    nnaju cchiù…
    taliatilu stu panaru di stiddri in cruci
    ‘ncapu u me lettu
    chi pari chi ci spuntano rarici di sangu
    chi si movunu
    l’acchiappanu e lu strinciunu tuttu
    ma li me pinseri
    l’aiu tutti rintra u stomacu
    ciauriano di terra vagnata
    di l’acqua du cielu.
    rami d’aranciu chini di ciuri
    setti figghie cùsunu u me letto
    ‘ntra ‘a stanza ra sposa vularu
    rui usignoli chi puittaru
    l’avugghi di firenze
    sugnu ‘na sposa turca
    ca vucca china di spini di rose
    rintra ‘nu cuscino chi parìa fatto ri sita

    ‘a notti è comu ‘na fimmina
    chi paitturisci ‘ncapo
    a terra a matinata, Signuri meo
    e sulu meu
    a ttia m’addinocchio
    tu chi mi manci
    ‘u cori.
    ‘u cori .

    ( from Duets with Caos )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: