Sveglio di vita, oggi il sole mi schianta.

Sto procrastinando, lo sento, sto tergiversando, sto selezionando occhi.

Sto scoraggiando voyeurs , sto nobilitandomi, sto , in fin dei conti, censurandomi.

Alla fine chi l’ha dura la vince, forse sto eccitandovi, sto ritardando perchè l’orgasmo sia massimo, ebbene è tempo di parlare di cazzi miei.

Marcio, il suo eterno parlare, le sue mani , io le odio.

la sua villa a tre metri dal mare. Condonami il condom. in fila sul ripiano. preservativo, lubrificante e sigarette.

le sigarette sono per me, lui non fuma.

I teli da spiaggia sulle lenzuola, più giustificabili da lavare, anche se non deve giustificarsi affatto con la colf, “ma sai è una di famiglia”. Infatti lavora al nero.

Sei un bastardo medio-cetaceo ed i soldi che mi dai per essere la Valvola di sfogo del tuo perbenismo borghese del cazzo , è nulla. Io ho pagato con la Vita la mia libertà sessuale.

Quando esci i soldi dal portafogli, io immagino la foto di tua moglie, che non ho mai visto , messa dietro a quella dei tuoi figli, che ho visto.

spero non ti somiglino. Anche “dentro”, intendo.

“Marcio” , io odio le tue mani, le odierei anche se fossi meno quello che sei.

Ma tu mi aiuti.

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: