c’era una volta un bambino…

poi è nato.

Palermo. La metà del giorno.

la voce al telefono. non la riconosco subito. E’ Giuseppe che dice: se n’è andato stanotte.

ed io che penso: dove?

poi il cuore più veloce dice. Giovanni.

poi gli occhi che marciscono d’acqua e tuttavia non piangono.

IO NON PIANGE MAI. 

la voce al telefono mi parla e mi dice.

oggi c’è il sole. di certo sarà un bel funerale.

nel loro vicolo di Borgo Vecchio. Il sole arriva solo a mezzogiorno.

mi parla al presente, Giuseppe: e allora quando c’è il sole a mezzogiorno io prendo le sue ossa , leggero come un lenzuolo lo siedo sulla carrozzella a Giovanni lo chiamo il mio bambin

e lo porto fuori nel vicolo al sole. ci ha la nostalgia del sole della luce, ma mica me lo dice.  io lo capisco.

vuole che ci vestiamo di bianco al funerale. perchè eravamo angeli prima. poi siamo nati morti.

precipitati.

testimoniare. Giovanni non è

fu qui

32 anni. era un angelo prima.

io gli raccontavo favole nere, quelle vere. lui  spesso le conosceva, allora dovevo ricominciare. perchè le parole fossero l’eutanasia.

occhi marci d’acqua non piangono.

TRAMANO NEL BUIO LA LUCE.

e la luce fu.

chissà se dove sei piove o c’è il sole.

magari anche lì è mezzogiorno ades

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • malacarne  Il giugno 16, 2003 alle 12:38 pm

    un abbracio ai miei fratelli, torno al silenzio. avrò la forza di riprendere la parola. lo so. Per ora testimoniate che il malacarne è stato qua

  • Ameleht  Il giugno 16, 2003 alle 1:50 pm

    Torna.

  • anonimo  Il giugno 16, 2003 alle 2:01 pm

    idem, come ameleht

  • anonimo  Il giugno 16, 2003 alle 2:15 pm

    BLOGANONIMO RESPECTS

  • kalos  Il giugno 16, 2003 alle 5:35 pm

  • lefty333boy  Il giugno 16, 2003 alle 7:43 pm

    questo l ‘ho letto tutto..attentamente..e’ mi piace..ma non ho capito…dove vai????

  • CarrieBradshaw  Il giugno 17, 2003 alle 12:18 am

    Andartene proprio adesso??? Secondo me è una cazzata. Ma enorme! Non puoi tornare al silenzio. Non gli appartieni. E lui non ti appartiene. Tu devi parlare. Urlare. Gridare. Qualsiasi cosa ti passi per la testa. QUALSIASI. Ma se questa è la tua decisione, la rispetto. Ma posso confidarti una cosa? Mi dispiace. Davvero. E forse mi mancherai. Ma sono sicuro che tu continuerai ad ESSERE. Anche se non ti vedrò. Anche se nessuno ti vedrà. La gente non vuole vedere. Il mondo è cieco. Ma chi E’ davvero vede. E vede bene. Come te. E come me. Ed io ti vedo. E tu mi vedi. Conta su di me. Per qualsiasi cosa. Sinceramente. Francesco

  • LadyOfWar  Il giugno 17, 2003 alle 3:24 pm

    Ho visto un corpo morto addormentarsi sotto il sole del sud. Era un caldo pomeriggio di novembre, e da allora ho smesso di contare il tempo ed i miei anni. Ed era un corpo che mi apparteneva, e che era me. Un bacio e poi sono andata a cercarlo fuori, e non c’era, e ho camminato, finchè i piedi hanno preso a sanguinarmi, e ancora, ancora adesso cammino, cercando, qualcuno di voi signori ha visto passare un uomo i cui occhi somigliano al crollo di una diga? Nessuno. Cerco il nulla. E il nulla mi schiaffeggia. Cammino. Morirò camminando. Avrò vissuto cercando.

  • kalos  Il giugno 18, 2003 alle 2:24 pm

    non torni? 😦

  • anonimo  Il giugno 18, 2003 alle 6:12 pm

  • anonimo  Il giugno 19, 2003 alle 9:08 pm

  • aLLyNa  Il giugno 20, 2003 alle 12:15 am

    delle volte il silenzio vale + di mille parole… ma le tue parole spaccano il livello del suono… torna a spaccare…

  • malacarne  Il giugno 20, 2003 alle 12:58 pm

    spaccare la roccia del silenzio perchè ne sgorghi la parola. le mie braccia hanno coominciato a picchiare sulla pietra. Mi ci vorrà del tempo.

  • anonimo  Il giugno 20, 2003 alle 2:12 pm

  • anonimo  Il giugno 21, 2003 alle 2:34 am

    io sono qui.

  • LadyOfWar  Il giugno 22, 2003 alle 5:47 pm

    Cielo cobalto
    e la tua parola risuona nell’orecchio
    mani sorelle sorreggono grumi di sangue
    pesanti come piombo
    su ali spezzate.
    La Parola
    seguimi la Parola
    e seguimi.
    NonFermartiAdesso.

  • anonimo  Il giugno 23, 2003 alle 7:33 am

    nel mio silenzio l’essenza. e in fine dalla roccia sgorgherà ancora. Parola.

  • anonimo  Il giugno 23, 2003 alle 7:34 am

    nella mia essenza la presenza. e infine sgorgherà di nuovo la parola.

  • anonymus  Il giugno 23, 2003 alle 4:03 pm

    —-

  • Ameleht  Il giugno 23, 2003 alle 4:16 pm

    Senti? Le cicale nn fanno che chiamare.

  • anonimo  Il luglio 18, 2003 alle 7:54 pm

    andate a lavorare nelle miniere

  • anonimo  Il luglio 18, 2003 alle 7:56 pm

    andate a sentire il sudore della fatica nello spaccare la roccia delle buie miniere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: