77

e ho capito che era meglio sentire la musica. gli altri bambini avevano sogni d’icanto ascoltando il carillon, e sorridevano sempre.

IO . tenendo gli occhi squarci sull’incubo che mi includeva, ho capito che era meglio imparare a dimenticare, essere come tutti.

troppo tardi: avevo occhi inchiodati  sull’incubo. il suo alito di omelie alle mie spalle.

tradito per sempre

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • anonimo  Il luglio 31, 2003 alle 8:35 PM

    torno per dirti che ti trovo molto bravo… 🙂

  • malacarne  Il luglio 31, 2003 alle 8:39 PM

    non hai visto a letto;))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: