63

se ti colpisco tu gemi di spasimi e diventi la donna picchiata che sogna di essere il tuo animo infetto. mi dici: malacà dimmi che sono la tua troia, e imiti una voce chioccia che ti sconoscevo, la voce di fondo. diventi una donna stuprata. quella dei tuoi sogni al mattino, prima di incravattarti ed andare nello studio dello zio l’avvocatissimo della mafia (adesso fammi fuori, forza, fammi fare fuori, coraggio, tanto io  sono  nato morto . sei tu che ha tutto da perdere: io nulla, perchè ho perso tutto quando caddi da un  cielo distratto o crudele o forse soltanto indifferente).

sparami in faccia mentre urlo il mio credo .

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: