Adele vestita di luc…

Adele vestita di luce. Madonnina aurea anche se sa che tutto questo luccichio è freddo.

Milano. quel tumore sulla pianura.

all that glitters is cold,

canta sussurrando. mentre sorrido nell’eco distorta della sua tremula voce .

segue in cuffia Mary l’immenso, come lo chiama lei anche quando non è sbronza o sballata.

ha croci rovesciate con rabbia infantile sul petto in fiore – Adele – come se il recto e il verso non fossero lo stesso oppio.

così capisco subito che siamo distanti come due continenti.

da San Babila giù lungo corso Venezia. fino ai bastioni.

come due continenti.

ai giardini pubblici trovo un tipo neanche vecchio. mi vendo anche per lei. Adele non mi chiede, non le importa. siamo vivi ora?

fumi come treni di film come ciminiere, siamo fuori come DIO.

poi ci sfondiamo in un clandestino a Lugano, io sto sballato due giorni, lei sette ore. che forza la bimba. dopo lei  si addormenta su di me quando stiamo per tornare sopra un treno marcescente tutto blu indaco viola. tumefatto.

E’ milano, laggiù? domando , dopo aver battuto la testa sul fnestrino.

Non è Milano , è solo un tumore sulla pianura,  risponde .

Adele la prima volta mi si precipita giù dalle scale mobili in piazza Duomo,

mi cercano mi cercano sussurra concitata. ma il sussurro è il suo modo di gridare. è beneducata.

l’aiuto a nascondersi dai suoi genitori , i mediocetacei in rapidissima ascesa.

ma so che tutte le droghe di questo mondo non la salveranno da se stessa.

a pill to make u numb

a pill to make u dumb

a pill to make u anybody else.

parla mischiando italiano televisivo  all’inglese Adele: questi i segni dell’ apocalisse.

le dico che fanno così i froci: è come averci un barboncino infiocchettato in bocca, per questo i froci si chiamano gay e parlano l’inglese e il televisivo. lei ride capisce non capisce è fuori.

all’ afterline in via sammartino. bevo una coca condita e il barista storce il naso al mio accento, ai miei vestiti.

tre sorelle snelle, vestiti come ballerini di madonna che scimmiottano Britney Spears,  braccialetto e collana ferré dior cavalli, topolino , i particolari che fanno la differenza , i segni dell’apocalisse.  e parlano da soli tutti.

diocane parlano da soli , sputano in un filo legato al cellulare , muovono gesti finissimi con mani da sciampiste di canale cinque e fanno foto col cellulare , per domandare all’altro fantasma che sta in ascolto : come sto?

come sto?

credo che deanni  novanta resteranno queste due parole:

come sto?

e allora che venga l’apocalisse.

te lo dico io come stai : stai nella pappa di cervello , putrefatto, testa di minchia.

lo dico davvero a uno mentre lo incrocio fuori dal locale e muovo verso la stazione.

Lei – lui ha come un singhiozzo, terun bofonchia, quelo lì quelo lì, rifugiandosi dentro.

Adele , nella milano da bere, non posso salvarti da te stessa. dal tuo marchio giusto.

Adele ricoperta di glitteri innanzi le porte di un locale fighetto. nella milano da bare.

nei nostri bicchieroni cocacola scivolano monetine, solo da mani di qualche passante, mai nessuno dei tuoi amici che non ci vedono. noi a terra in gruppo di punketti , nella scodella c’è anche un po’ dell’ipocrita gioventù della Milano bene, da bere fino a rigurgitare.

ragazzini, il figlio dell’avvocato accucciato che lecca il cane, e il figlio del chirurgo delle dive cogli occhi ombreggiati da un cerino spento . tutti pronti a fare un po’ di bestia prima di comprarsi il ferrarino.

milano tu muori,  tumore sulla pianura?

Ritter e Golia scodinzolano appena la vedono, io neanche la riconosco lì per lì, Adele sparita da un mese, ora splende di glitteri che pare una soubrette, ci guarda e si volta di lato, a me mi frega un cazzo, ho visto compagni d’istituto con cui ho diviso il sangue voltarsi senza salutare. nella Palermo da dimenticare.

la terra è un cimitero.

abbaiano Ritter e Golia, questo si slancia , scappa alle mani anfetaminiche di Gaspare, giù festoso a scodinzolare alla più troia delle expankabbestia che mi siano capitate mai , precipitate giù dalle scale mobili di piazza Duomo.

mi hai aiutato a capire che il punk è un po’ di carnevale borghese fuori stagione.

nella Milano dabbene. Adele hai sguardi chimici  imprecisi verso la corte dei miracoli che mi circonda, non mi hai visto davvero. ora è babbo che te la compra la coca, che almeno resti pulita, bambina?

che almeno resti pulita, grandissima puttana?

Golia vomita sangue calciato dall’anfibio del buttafuori rasato. dice una cosa tutta belìn va via te nè , che pare una melodia, ma sbudella il cane ,  gli spappola il ventre.  

agonizza e guaisce e vimita sangue schiumoso , guarda Adele con occhi squarci che si velano . le era  affezionato , il tuo prericordi? lei scivola dentro il locale muta.

la corte dei miracoli assalta il buttafuori ché Golia è spacciato.

ma il Caronte  col solito filo che qui hanno incorporato nell’orecchio aduna demoni.

stiamo rissando di brutto quando  arriva la polizia.

e a prenderla in culo ovviamente siamo noi. che poi siamo quelli senza babbo e mammà pù avvocato e telefonatina potente che attende in questura. gli altri vanno a casa.

spero che il paradiso dei cani non sia un inferno come quello dell’uomo.

che sia privo di gerarchia.

Adele, se un giorno dovessi ricordare di avermi mai amato in uno delle notti passate a vuotare cartoni , non dire alle tipe che frequenti ora: ero scema , era bambina.

taci: almeno il silenzio non sporca.

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • fatticazzituoi  Il gennaio 12, 2004 alle 6:15 PM

    questa è un’intervista se ti va di farla devi rispondere a

    tutte le domande,dopo averla compilata me la metti sul mio blog

    come ho fatto io ora, saranno tutte pubblicate sul muro(il mio

    blog)

    come ti chiami e quanti anni hai?

    che tipo di persona sei?

    qualche parola sulla tua famiglia?

    veniamo alla tua vita personale..sei socievole?

    hai un amico vero con cui parlare?

    sei fidanzato/a?

    che cosa che ti piace di lei/lui?

    se uno vedo questo blog come potrebbe giudicarti?

    hai precedenti penali?

    usi o hai usato droga? se si che droghe hai usato?

    un messaggio per i giovani?

    veniamo al tuo lato sessuale..come ti definisci?

    perversioni? dinne qualcuna

    ti masturbi?

    che ne pensi degli omosessuali?

    del razzismo che ne pensi?

    parliamo del blog..che cosè per tè?

    sei te stesso nel blog?

    ma nella vita sei cosi?

    vai in chiesa?credi in dio?

    dei preti che ne pensi?

    chi non ti è simpatico?

    corrente politica?

    due parole su berlusconi

    hitler?

    mussolini?

    no global?

    black block?

    che ne pensi delle prostitute?

    mai stato con una prostituta?

    hai tatuaggi?

    i tuoi hobby?

    che musica ascolti? cantante o band preferita?

    pratichi sport?

    il tuo film preferito?

    il ricordo piu bello?

    il piu brutto?

    se potessi esprimere un desiderio?

    pensi di risolvere i tuoi problemi se tu avessi tanti soldi?

    che ne pensi degli animali?

    ne hai qualcuno?

    ultima domanda..che pensi di questa intervista?

  • anonimo  Il gennaio 12, 2004 alle 9:18 PM

    “Non ti conosco, vecchio.”
    Non so se era così che diceva il principe henry. Ti leggo sempre molto attenta: perchè sai qualcosa che mi sfugge, e volente o nolente me la insegnerai. Baci, Fake

  • anonimo  Il gennaio 12, 2004 alle 9:26 PM

    ciao fratè…

  • lysandracoridon  Il gennaio 12, 2004 alle 10:31 PM

    Bentornato! Sei andato in vacanza tra i fighetti di Milan?! 😉 Pensa che a Turin, un giorno, abbiamo incrociato il nipotino di Agnelli punkabbestia che chiedeva l’elemosina! Fa così “ultima tendenza” essere poveri, al giorno d’oggi.

  • amarantide  Il gennaio 12, 2004 alle 11:00 PM

    non solo oggi… qualcuno ha presente i periodo dei figli dei fiori? jeans e magliette sbrindellati e sporchi: abiti di gala riservati per i concerti, le collette di chi aveva sempre in tasca le 10.000 elargite da mammà perchè non si sa mai… ora (da anni ormai) sono diventati persone perbene. alcuni legaioli, altri forzaioli. e girano la testa dall’altra parte se gli capita di incontrare qualche vecchio compagno di “errori di gioventù” che non è ancora morto di overdose o che è uscito di testa per un trip andato male.

  • malacarne  Il gennaio 13, 2004 alle 1:02 am

    ciao Fatticazzituoi, ho risposto già a tutte ste domande , e forse a qualche altra, quando hai tempo ti leggi il blog e le desumi se te ne frega un cazzo p.s. odio i test lys sono stato via qualche giorno , ma non a milano, non ci metto più piede da quella volta, mì è rimasto il pregiudizio per la città, e per ora me lo tengo , mi serve come dose giornaliera per evitarmene altri eheheh:)) minkia com’è lungo sto resoconto e devo aggiungere ancora due righe per Adele, se mai passasse di qua, non si sa mai, capacissima di serbare un po’ di brivido di trasgressione e cercando milano locali porno su google si è ritrovata qui…

  • inconsapevole  Il gennaio 13, 2004 alle 2:23 am

    complimenti malacà..

    hai tratteggiato un concetto del quale mi sento coinquilino. manca la musica, ma quella la fantastico.
    ti dedico una frase in perugina style che ho sgravato ieri, in treno, uscendo dalla capitale..
    le parole si vendono, tra un insulto e un sorriso.
    ti auguro una serena notte.
    tenta di sognare un mondo che ci appartenga.
    almeno a metà..

  • lefty333boy  Il gennaio 13, 2004 alle 4:36 am

    Incularsi da soli.All’età di diciassette anni ho scoperto di avere una particolarità credo inusuale. Riesco a incularmi da solo.

    Non che la cosa mi venga facile e comoda. Anzi. E infatti non lo faccio quasi mai. Anche perchè credo che possa rivelarsi dannosa. Eppoi non mi diverte neppure tanto, cioè preferisco, potendo, scopare.

    Non è questione di lunghezza. Nè di stortezza. Semplicemente una congiuntura genetica stranissima fa in modo che in certe condizioni, tirando tirando, contorcendomi, sfruttando una mezza erezione non rigida e una appropriata lubrificazione sintetica, riesca a infilarmi parte del glande all’interno del sedere.

    Dopo aver fatto questa scoperta, dovuta a normalissimi esperimenti masturbatori che qualunque adolescente fa, per un annetto, diciamo fino alla maggior età, non ho fatto altro che piazzarmelo nel culo quasi tutte le sere.

    Anche ora, più raramente, quando le cose vanno particolarmente male o mi sento solo, mi chiudo nella mia cameretta e mi inculo da solo.

    Incularsi da soli fa provare la buffa e intensa senzazione di una doppia stimolazione. Incularsi da soli fa sentire autosufficenti e strani. Per incularti da solo una donna non è necessaria, anche se una donna può trovare lo spettacolo molto interessante.

    Tante volte la vita non lascia altre alternative che incularsi da soli

  • malacarne  Il gennaio 13, 2004 alle 2:39 PM

    lefty mi stai facendo pensare due cose vere:1) dovrei smettere di usare “inculato” coll’accezione negativa che gli danno i ragazzi sedicenti etero, ma inutile è troppo radicato il termine 2) la maggior parte delle volte ci si incula da soli (ma l’ambiente è la vasellina ideale perchè succeda questo:)

  • regulus21  Il gennaio 13, 2004 alle 3:03 PM

    Adele. Parodia antropomorfa della Fortuna. O Fortuna velut luna statu variabilis…

  • sosetta  Il gennaio 13, 2004 alle 3:15 PM

    ciao mala bentornato ;-)..per quanto riguarda lo sciopero selvaggio…permettimi di dirti che credo che i potenti continuino a farsi le seghe anche guardando lo sciopero selvaggio, magari anche con più gusto. tanto a loro che importa?nel frattempo lo sciopero spacca le palle a chi non deve.vabbè, in fondo tra mezz’ora me ne sbatterò altamente i coglioni, di cause ed effetti. zao carissimo. triplo smack e non scioperare!!!

  • Ameleht  Il gennaio 13, 2004 alle 6:15 PM

    ai potenti interessa proprio farti pensare che lo sciopero danneggi soltanto te, sosetta…….. cmq. Milano non mi piace, è brutta, sporca e rumorosa, come tutte le gran città del cazzo. E poi mi ricorda troppi addi

  • Ameleht  Il gennaio 13, 2004 alle 6:16 PM

    i

  • malacarne  Il gennaio 13, 2004 alle 6:46 PM

    in realtà lo sciopero del sesso lo faccio quando arrivo a rincojonimento…eheheh, guarda Sosy io non so molto del mondo del lavoro, parlo per sentito dire e per idee generali che deduco dai fatti. Se ad esempio io ti avverto che non potrai usufruire delle mie prestazioni nel pomeriggio ma le potrai ottenere la sera, tu riorganizzi, con minimo disagio i tuoi impegni e tutto fila liscio. Nessuno si scomoda più di tanto e chi ti governa, cioè controlla, può ignorarti tranquillamente, nel momento in cui tu ti incazzi perchè non puoi andare a farti sfruttare perchè altri sfruttati scioperano , il governo capisce che sta perdendo il controllo e cerca di dare un contentino agli scioperanti per metterli a tacere e per evitare che magari , spezzata la routine-ipnosi quotidiana da questo evento terroristico che è lo sciopero selvaggio, comincino a ragionare ed avvedersi che sono sfruttati e che POSSONO FARCI QUALCOSA. protestare, manifestare scioperare spaccare vetrine dell’adecco (poi vengono i cani del potere, spaccano teste, i più hanno paura, un paio proseguono, li mettono in prigione, i compagni per un po’ protestano, poi si stancano, se li dimenticano, finchè non si raggiunge un altro punto di rottura e così via. Che noia il lavoro , davvero, che ingranaggio infernale , il lato più bello , l’unico valido è lo sciopero, il momento di rivolta, l’atto di disubbidienza, l’insubordinazione, le lotte per i diritti civici, il sessantotto eterno …

  • lefty333boy  Il gennaio 13, 2004 alle 7:00 PM

    sono pieno di sensi di colpa oggi– per la mia vita “eccessiva”… mi puoi aiutare.. in qualche modo- ? con le parole..intendo…

  • lefty333boy  Il gennaio 13, 2004 alle 8:50 PM

    mi hai fatto prendere un colpo–credevo che eri te nella foto… :-))

  • lysandracoridon  Il gennaio 13, 2004 alle 9:18 PM

    Io, più che scioperare, adoro boicottare. Tu azienda segui una linea politica che mi danneggia e io danneggio te non comprando più i tuoi prodotti. L’unico lato negativo è che, solitamente, sono da sola a farlo e non serve a una benedetta cippa! 🙂 Però non demordo e vado avanti. A proposito: se non volete che il nano pelato ci governi ancora, vi consiglio di cominciare a boicottare i suoi finanziatori.

  • lefty333boy  Il gennaio 13, 2004 alle 11:09 PM

    Buongiorno bastardi, vostro malgrado, sono tornata (più carogna che mai). Mi sono fatta dei nuovi trip. Sulla vita. Sulle persone. Su questo blog e su di voi. Preparatevi. già sono passati quasi vent’anni ( il 15 è vicino), e sono stati periodi tormentosi ma intensi anch’io ho un tatuaggio che tu mi hai fatto il più bello in assoluto—– perchè è nina simone, è perchè è lunedì, è perchè ci riguardano solo le cose che ci riguardano da vicino, special modo quando ci guardano in quel modo e quel vicino è così vicino, è quel momento in cui se potessi trasformarti saresti la tua voce che ti scalda forte e che si illumina come le cose che nella vita reale non si illuminano mai.—- Me ne fotto. Del mondo del dolore dei sogni dei bambini. Volano in alto i palloncini. Volano in alto i coglioncini. Dio fottiti per sempre. Insegnami a capire se vale qualcosa la mia vita se vale qualcosa la vita Una giovane donna a un’atra a voce alta “Quest’uomo mi fa impazzire, ma davvero…”. E’ milano, laggiù? domando , dopo aver battuto la testa sul fnestrino. Non è Milano , è solo un tumore sulla pianura, risponde .

  • malacarne  Il gennaio 14, 2004 alle 12:00 am

    i tuoi deliri mi illuminano sui miei errori ehehe… fnestrino l’ho scritto davvero…non che non sono io, ti è piaciuto il tatuaggio però…

  • regulus21  Il gennaio 14, 2004 alle 12:27 am

    Che critico sarei se non frugassi tra brandelli musicali semisconosciuti? Più che altro ho un’idea controversa di musica “triste”, “energetica”, “rilassante”… e la cosa mi riempie d’orgoglio! Perché non provi a procurarti qualcuno di quei brani e poi ne parliamo? Ho approntato anche una lista di brani stranieri…

  • regulus21  Il gennaio 14, 2004 alle 1:24 am

    Gradirei Paola e Chiara fatte a “spiedino”… indovina quale dovrebbe essere lo spiedo :)Quella canzone è la versione acustica e in brasiliano di “Fino alla fine”, non è per nulla male… a me piacerebbe per il solo fatto di essere in quella lingua 🙂

  • lefty333boy  Il gennaio 14, 2004 alle 1:46 am

    EHIIIIIIIIIIIIII—è MILANO LA giu?????????????

  • malacarne  Il gennaio 14, 2004 alle 1:51 am

    grazie al cielo no! notte leftyca;)) c’è anche ameleht on line..e chiaro famo na festazza?

  • Ameleht  Il gennaio 14, 2004 alle 1:54 am

    io, se c’è da festazzare, sono sempre a disposizione

  • malacarne  Il gennaio 14, 2004 alle 1:55 am

    ma state spesso on line a st’ora?

  • lefty333boy  Il gennaio 14, 2004 alle 1:55 am

    Ho un leggero languorino Ho proprio voglia di qualcosa di buono ….. … una canna? … un soffocone? … due spaghi al pomodoro? … una caraffa di Jack Daniel’s? … un film di JEFF STRYKER–? … un sottofondo Jazz? … un’anima? Cazzo Ambrogio … mai che fossi in zona quando ti cerco!!!

  • lefty333boy  Il gennaio 14, 2004 alle 1:58 am

    STAMATTINA ERAVAMO QUI FINO ALLE 6 -6.30–infatti ameleht ha letto anche qualcosa che non doveva–che ho cancellato.. :-))

  • malacarne  Il gennaio 14, 2004 alle 2:00 am

    che pazzi, mi sa che devo stare stare dpiù a casa la notte…e che avrai mai detto di così terribile? ora mi fai vanire la curiosità

  • lefty333boy  Il gennaio 14, 2004 alle 2:05 am

    ERA una cosa personale– infatti ti stavo aspettando ti piace il mio post?..haha–praticamente questo post è fatto da 6 frasi diverse- da sei post- 6 blogers diversi..+ una mia.. ;-))

  • Ameleht  Il gennaio 14, 2004 alle 2:21 am

    io se non esco la sera o scrivo, o bloggo… adesso vi auguro la buonanottuccia ragazzi, magari la mia insonnia si decide a darmi tregua… è stato bello 😉

  • zombieglam  Il gennaio 14, 2004 alle 3:35 am

    “all that glitters is cold” vero dovresti vedere quanti glitter ho qui malacà. mi sei mancato. cominciavo davvero a pensare che fosse finito il 31/12. ora penso che dormirò. vorrei dormire per sempre. vorrei un principe a svegliarmi in una foresta di rovi e ghiaccio. vorrei.

  • regulus21  Il gennaio 14, 2004 alle 8:28 am

    Guarda che dei Madredeus conosco ‘nsacco de robba: la mia preferita è “Agora”, una interminabile suite credo assolutamente priva di accordi maggiori :))). Degne di nota in questa lista di “suicide soundtrack” sono “O pastor” e “Silencio”.Io sarei perverso a farmi quei due bocconcini… e tu a travestirti da edu-dittatrice? Che la Marchesa De Sade al confronto era una suffragetta!

  • ladystardust  Il gennaio 14, 2004 alle 12:42 PM

    quando torna il Malacarne si sente….nel cuore e nello stomaco. Baci a profusione

  • lefty333boy  Il gennaio 14, 2004 alle 4:13 PM

    Lo sapevate che i cristiani sono le uniche persone sulla terra che si inginocchiano davanti a un strumento di tortura .Se Cristo fosse stato martorizzato in questo secolo , porteremmo tutti una piccola sedia elettrica appesa alla catenina…

  • Fuoco  Il gennaio 14, 2004 alle 6:53 PM

    Il solito vittimismo meridionalista. Piagnone del cazzo. rimani nella tua terra.

  • Egon  Il gennaio 14, 2004 alle 11:39 PM

    e forza chiara 🙂

  • anonimo  Il gennaio 14, 2004 alle 11:39 PM

    …sapevo che saresti venuto a portare la tua sete di sborra fin qui, vieni a palermo caro, mi divertirò proprio col tuo culo , prima di farti un tutù di cemento …eheeheh…

  • FiloDelRicordo  Il gennaio 15, 2004 alle 12:09 am

    Questo blog è assolutamente GENIALE.

  • anonimo  Il gennaio 15, 2004 alle 12:27 am

    ecco bravi così cominciamo a ragionare , tutti amici siamo tutti una famiggghia , baciamo le mani

  • regulus21  Il gennaio 15, 2004 alle 12:43 am

    Perché mi insegui sui blog altrui?Cominci a non fidarti nemmeno del tuo critico personale? O sei geloso? :))

  • anonimo  Il gennaio 15, 2004 alle 12:58 am

    sì nutro un’insana passione per te, piuttosto chiedi ad Egon che mi ha lasciato un messaggio “criptico” , non capivo perchè parlasse di una certa ChiarA … chessò magari ha qualche problemuccio il ragazzo … gli mando l’educatrice ?ehehe:))

  • anonimo  Il gennaio 15, 2004 alle 1:03 am

    minkkia è l’una…!!! …. ni viremu…..se ripassa gocciadifuoco o fuocodipaglia o vattelapesca fategli un peto ;))

  • lefty333boy  Il gennaio 15, 2004 alle 3:57 am

    cioè no …scusate…ma dico.. tutto a me deve succedere??–ok un po fatta- ma dico— fra tuttala gente nel locale–proprio IO dovevo imbroccare lo svedese.. alto 2 metri.. capelli NERI…SISI PROPRIO NERI—nemmeno biondo– OCCHI VERDI– apalestrato– con mezzo metro di cazzo–minimo secondo me— che mi parla TUTTA LA SANTA SERA…DI DIRITTO INTERNAZIONALE E POLITICA…?? e piu io cerco di spingere il discorso sul sesso “…. sai Alessandro Magno era omosessuale..si inchiapettava con i suoi soldati….”—LUI….” MA LO SAI che la Macedonia era una regione 24000 anni fa..che apparteneva …non apparteneva…”…e io ” ma lo sai che fra gli antichi greci la omosesssualita era una cosa normale…? “..e lui…” LE MINORANZE ETNICHE IN SVEZIA….bla bla bla..”… e io…” SAI CHE TI DICO AMORE… MA VAFFANCULO…..VA”… in piu sono senza marito fino a Domenica….vuoi scomettere che non ci mette piede nemmeno il cazzino di un nano a casa mia??+++

  • malacarne  Il gennaio 15, 2004 alle 12:15 PM

    te lo meriti, così impari a parlare sempre di sesso ed a non occuparti di minoranze etniche svedesi (?) e di macedonie (tranne quelle con le banane ) ihihih:D

  • pietrarossa  Il gennaio 15, 2004 alle 12:27 PM

    vedo che il mio concetto di milano come “tumore in val padana ” ti è rimasto impresso….

  • pietrarossa  Il gennaio 15, 2004 alle 12:33 PM

    comunque quello che hai scritto è vero fino all’ultimo glitter…fino all’ultima leccata di cane….

  • regulus21  Il gennaio 15, 2004 alle 2:08 PM

    Ma come???? Non conosci “Forza Chiara”? Ahi ahi ahi!C’è qualcuno in sala che gli spiega la storia o toccherà a me questo sporco lavoro? 🙂

  • malacarne  Il gennaio 15, 2004 alle 6:22 PM

    no mi manca, vabbé credi che cambierà la mia vita la rivelazione di questa Chiari-fica-zione?

  • regulus21  Il gennaio 15, 2004 alle 11:37 PM

    Nzomma, è la storia di due tizi – lei 14 anni, lui 18 – che decidono di trombare davanti ad una telecamera per poi rivedersi. Il filmato dura una mezz’oretta di “accademia” su una serie di posizioni, più tali e tante battute di cabaret che sembra il Bagaglino. Durante la digitalizzazione, miracolosamente il filmato “vola” in internet, dove diventa l’articolo più desiderato per diversi mesi, fino a far intervenire la polizia postale con denunce per pedofilia.Ora il ragazzo è irreperibile e Chiara continua a bazzicare per Perugia (secondo gli ultimi pettegolezzi che mi sono giunti).Il titolo originale è xxx_amatoriale_from_perugia-Forza_Chiara.avi, e si chiama “Forza Chiara” perché, nonostante la mezz’ora di sforzi della fanciulla, Lui non dà praticamente alcun cenno di vita! :)))Soddisfatto? Dimmi se, dopo questa notizia, preferivi vivere nell’ignoranza! 🙂

  • anonimo  Il marzo 3, 2004 alle 11:28 PM

    Adele, Adele, che spina nel tuo cuore! Ma non illuderti che parli di te con le sue amiche. Forse ritornerai solo nei suoi incubi da vecchia, mescolato ad altri peccati di gioventù, mentre lei resterà sempre dentro di te e la rivedrai in tutte le donne. Lee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: