ora passiamo ai fatti; la follia del giorno carne al fuoco il tormento del  vuoto che prende tutto e poi ricominciamo dai fatti del giorno, che arrivo alla gare du midi , bruxelles la capitale d una europa che non esiste ancora, che non sa se questo e’ il tempo di aprire o di chiudere

e fra i due tempi é il tempo

suggestione e fu sera e fu mattino, la piccola  proviniciale diviene miss europa

prima sera/ dormo a casa di Markus, conosciuto a Berlino, lui era assistente sociale per giovani prostituti, ora lavora alla comunita’ europea,

 in fondo non aveva voglia di redimere nessun diciottenne polacco per inviarlo sulle impalcature della west berlin, smettere di guadagnare bene alle spalle del capitale e farsi schiacciare sotto una macchina operatrice, che é cosi’ che é andata, mi dice, che aveva trovato lavoro a barth e quello poi é morto cadendo da un’impamcatura,

et alors merde et puis merde et la morale Ã  la con  qu’on a reçu qu’ aille se faire foutre quoi, j’en avait marre , me dit-il

 et la premiére soirée chez markus,en parlant de ça et de n’importe quoi,

 mais apres une semain je trouve un studio sur la place rouppe

 et alors

et alors que tout ça a commencé,

  un bohemien etero con lunga coda di cavallo il proprietario di casa,oppure un frocio hors milieu é strano a vedersi un misto di ultramacho e checca sfranta, l’arci-gay fatta persona, che decide di dare lo studio a me e non alla coppia tres calme sans enfants, morte agli etero,penso , alla scritta sul muro di fronte l’exit a palermo, rossa sulla scritta nera che cera sotto morte ai gay,

e li che tutto comincia,

spades for our , bruxelles; il proprietario di casa é il responsabile della sauna , non so come cio’ accada ma questo é il film;

lui mi dice se hai bisogno di soldi io posso farti entrare come massaggiatore, hai tre giorni per imparare

e fu sera e fu mattino;

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • polemiko  Il settembre 30, 2004 alle 11:06 PM

    Tutto ricomincia.
    e fu sera e fu mattino, e tutto ritorna, e ricordo del Sisifo felice.
    Forse sto imparando, forse.

  • anonimo  Il settembre 30, 2004 alle 11:49 PM

    il fascino dello squallore, o lo squallido del fascino a tutti i costi?
    rientrare in tutti gli stereotipi mezzoborghesi attraverso la porta sul retro?
    dove la vedo la scintilla… nel volersi anticonformare a tutti i costi? No, non lo credo. Questo lo puoi fare, ed ha un senso, solo se sei esattamente identico a tutti gli altri. le stesse paranoie, le stesse idiosincrasie, le stesse banalità viste attraverso lo specchio di alice. ri-raccontate (ri-rigurgitate) in chiave hard-core.
    pagliettes, machismo, eterosessualità, uomo oggetto, cazzocentrismo. Le aguileira, gorky, exit, i cortili. oche, checche, repressi, travestite. travestite…
    perchè…
    ritravestire la realtà nell’adorazione del celodurismo? forse la mente di qualcuno si trova al nord del mondo? qualcuno ha la Verità e non ce la vuole dare? ce la fà forse “ciarare” dallo splendente calice degli effetti speciali di quattro parole ben posizionate?
    E’ facile giocare a scarabeo. Un manuale di istruzioni, un sacchetto con le lettere, ed un bel tabellone dove posarle.
    passo, grazie.
    vorrei arrivare al concetto. riempire faldoni si addice più agli uffici pubblici.
    cosa vedo?
    qualcuno che vive in mezzo agli altri, come tutti gli altri. un disagio di fondo. che la vita sia banale? può darsi. Che non abbia senso? sì, in effetti… prima o poi tuti quanti facciamo i vermi. Vogliono farmi vergognare della mia omosessualità? Certo poi a palermo (palermo!) mambo italiano! no! allora io non ci sto!
    fagocito tutto avidamente, e vedremo chi è il più forte, chi riesce a distruggere di più! quando io, IO, avrò solo me stesso… cosa potrete mai distruggere più? Mi ucciderete? Vi sfido.
    vedo questo. e mi sembra triste. perchè mi sembra un luogo comune. trasfigurato in prosa.
    “kaprapall”

  • lefty333boy  Il settembre 30, 2004 alle 11:53 PM

    un’impamcatura,= impalcatura…non cè niente da imparare come massagiatore-lo fai e basta ;-)kiss

  • Dankan  Il ottobre 1, 2004 alle 12:25 PM

    galo un sorriso 🙂 dankan.

  • Dankan  Il ottobre 1, 2004 alle 12:25 PM

    re

  • Dankan  Il ottobre 1, 2004 alle 12:26 PM

    Due gay si ritrovano dopo tanto tempo che non si vedono. Dopo i soliti convenevoli uno propone: “Dai, andiamo a giocare in onore dei vecchi tempi. Facciamo una partitina a scherma!”. “Ma non ho ne’ tuta ne’ spada!”. “Usiamo i cazzi!”. I due si appartano, si spogliano e iniziano ad andare di cazzo. Zip, zap, le spade sfiorano i corpi… “Ahi! Mi hai ferito” dice uno. “Uch! Mi hai colpito” replica l’altro. Dopo un po’ di colpi subiti uno dice: “Ahh…. mi hai ucciso!” e voltandosi di spalle a 90° dice: “Finiscimi!”.

  • anonimo  Il ottobre 1, 2004 alle 1:10 PM

    😛
    mi aspettavo una replica…
    :))
    cmq, ok lo stesso
    “kaprapall”

  • lefty333boy  Il ottobre 2, 2004 alle 12:17 am

    un frocio hors milieu é strano a vedersi un misto di ultramacho e checca sfranta, l’arci-gay fatta persona, che decide di dare lo studio a me e non alla coppia tres calme sans enfants,——–es mui strano ..oui…..:-)

  • anonimo  Il ottobre 2, 2004 alle 2:48 PM

    ciao malacarne.
    un angolino del mio cardiocervello è pieno di te.

  • metalonion  Il ottobre 4, 2004 alle 3:22 am

    ¸.•* Un abbraccio et un bacino.. sempre più bello quello che scrivi! *•.¸

  • orsarossa  Il ottobre 4, 2004 alle 10:42 PM

    sei piu’ docile.
    buono o cattivo segno ?

  • anonimo  Il ottobre 5, 2004 alle 12:01 PM

    Abbasso gli etero, abbasso…si, lo posso capire, ma in alto chi? come se etero e omo uno come te li potesse distinguere…persone, solo persone, con o senza cuore, con o senza anima.
    Le etichette lasciale ai vestiti, agli oggetti, ai marchi riconosciuti di fabbrica…
    Il cervello quello può anche non esserci se c’è cuore.
    Massaggiatore Bruxelles, la provinciale divenuta Miss Europa e tre giorni per imparare. Malacà io non lo avrei accettato questo lavoro e sai perchè? il tipo non ha capito che sei tu che puoi insegnare qualcosa ad un massaggiatore o aspirante tale. Sai cosa non mi piace di te? Il convincimento di essere sempre in una fase di apprendistato. Ma perchè non ti decidi a fare un avanzamento?
    Non è questione di buona o cattiva sorte….a questo punto tocca a te…

  • pollyjean  Il ottobre 5, 2004 alle 9:11 PM

    quanto tempo, malaca’…

  • anonimo  Il ottobre 6, 2004 alle 10:02 PM

    Potrei dirti quello che penso usando il tuo stesso tono, usando le tue parole…ma preferisco non imitarti anche perché ho spesso l’impressione che tu sia l’imitazione di qualcun altro.
    Mi chiedo perché ti leggo, ma ancora di più mi chiedo perché tu scriva, il tuo scopo non può essere quello di instaurare un dialogo con gli altri, la tua aggressività impedisce qualsiasi tentativo in tal senso, non puoi essere d’aiuto se non a chi vive la sua omosessualità con le tue stesse identiche contraddizioni.
    Per liberarti della tua anima piccolo borghese non è necessario estremizzare ogni tua azione cercando spasmodicamente di sublimare lo squallore di cui ti circondi in un’esperienza “artistica” appagante. Rinnegare la tua omosessualità provinciale per poi ricadere nella banalità della distinzione tra “attivo” e “passivo”. Come se l’essere sodomizzato sminuisse il tuo essere uomo, e, per inciso, constato che sorvoli sempre quando ti succede di raccontarlo, mentre il sodomizzare sia l’unico modo per affermare se stessi e le proprie idee.
    Il non tenere in giusta considerazione sia le diversità individuali che il contesto sociale in cui si vive, avendo la miope pretesa di importare modelli qui improponibili, non fa di te un rivoluzionario ma un illuso, non si può modificare la realtà senza conoscerla.
    Il pericolo che si corre, sempre, è quello di ritenersi la misura e il centro di tutte le cose. Il fatto di avere viaggiato, di avere vissuto situazioni che altri non conoscono, di avere conosciuto qualche persona ( ma che possibilità dai, poi, agli altri di incidere sulla tua vita?) non ti autorizza a giudicare tutto e tutti, a criticare ogni cosa, non ti fornisce nessun piedistallo, nessun pulpito. Si ha l’impressione, leggendoti, che il tuo ego trabocchi e fagociti ogni cosa. La tua indulgenza è indirizzata solo a chi ti è simile come se sentissi tu stesso il bisogno di essere giustificato e perdonato, queste le mie impressioni.

    Clèves

  • anonimo  Il ottobre 8, 2004 alle 4:03 PM

    Si Clevès concordo con te. E lo sottoscrivo. Lucida analisi la tua. sembra un ricamo visto al rovescio. malacà, saggio questo Clèves.

  • accomics  Il ottobre 9, 2004 alle 10:32 am

    Con un nome così il tuo blog fara grande successo nei motori di ricerca!

  • anonimo  Il ottobre 11, 2004 alle 9:30 PM

    Anch’io sono d’accordo con cleves

  • Eva_eva  Il ottobre 14, 2004 alle 1:32 am

    buonasera…

  • regulus21  Il ottobre 15, 2004 alle 9:09 PM

    Io trovo che Badbeef trascenda dallo squallore delineato da Clèves. Tra l’altro, chi sei tu, Clèves, per fare analisi psicologiche così sommarie da sembrare decapitazioni?
    Non mi va di difendere Malacarne, sa farlo da solo. Ora sento solo il bisogno di ribellarmi a queste letture psicanalitiche.
    Clèves (ora sei tu, ma vale anche per gli altri), leggi il blog. Non ti piace? Bene, smamma. Che l’analizzi a fare? E’ una cosa che non tollererei mai da me…

  • lefty333boy  Il ottobre 17, 2004 alle 5:05 PM

    oggi mi sono svegliato allegro ;-))

  • Ameleht  Il ottobre 17, 2004 alle 5:18 PM

    oh, ogni tanto fatti vivo compà…

  • amarantide  Il ottobre 18, 2004 alle 9:57 PM

    tra nebbia a vapori di sauna °_Q

  • orsarossa  Il ottobre 20, 2004 alle 11:12 PM

    e degnaci di una tua parola,
    crudele malacarne.

  • Dankan  Il ottobre 26, 2004 alle 10:13 am

    potresti rispondere ad un sondaggio del mio ultimo post? Grazie:)))

  • JeffBuckley82  Il ottobre 26, 2004 alle 12:28 PM

    malacarne … come ti butta? ^-^ noi un giorno di incontreremo.

  • lefty333boy  Il ottobre 28, 2004 alle 8:12 PM

    ma che bel header nuevo .-))

  • lefty333boy  Il ottobre 28, 2004 alle 10:08 PM

    LO SAPEVI CHE MALACARNE è : Un libro di Giosuè Calaciura? 😉

  • anonimo  Il ottobre 29, 2004 alle 8:31 PM

    cleves, tutto sto burdello, solo perche’ sei passivo, e vedi del celodurismo rovesciato e del provincialismo estremizzato e noblitato da estetismo e bellettrismo laddove c’ é , c’é sempre stata solo la malattia della parola, quando le parole cominciano ad indietreggiare di fronte alla verita’, singola verita’ o il concetto stesso di verita’ e allora giustoi e sbagliato, checche celodurismo, provincialismo, estetismo, nulla ha piu’ importanza, solo che quando stavo chiuso in una stanza dovevo testimoniare il mondo , let me show you the world in my eyes, e raccontare tutto, anche il fondo , soprattutto il fondo ; minima censura, non antiborghesismo, non ANTI, io parlo Per, e se ci metti dentro la rabbia, e ci metti dentro i miei silenzi e ci vedi il fondo di questo abisso che mi chiama ad ogni mio passo, hai la RA_Dio_graphia dei miei sogni; du calme mes enfants, papa va arriver

  • anonimo  Il ottobre 29, 2004 alle 8:44 PM

    noi un giorno di incontreremo.
    ho spesso l’impressione che tu sia l’imitazione di qualcun altro, il mio silenzio chiama gli abissi e gli abissi rispondono dagli specchio,
    sei sempre stato la collezione degli altri,
    du calme mes enfants,
    forse sto imparando, forse cio’ che non piace agli altri di me e’ questo mio essere un absolute beginner
    sono un principiante assoluto della vita,
    e non voglio dio non voglio imparare, perche’ imparare ti da’ autorita’,ti da’ potere,
    Tutto ricomincia.
    e fu sera e fu mattino, e tutto ritorna, io sono pronto al martirio ed a tutto ricominciare,
    il fascino dello squallore, solo i tuoi occhi sanno guardare?e se i miei occhiali avessi filtri diversi, tu NON MI PUOI MISURARE, io sono troppo oltre me stesso, sono la copia di mille labirinti, oltre la carne,
    io non ho bisogno dei balocchi, mi uccidono , mi uccidono, e fa un freddo atroce in questo internet cafe’ tale che la mia bocca emette nubi bianche e candide come l’alba stessa della divina apocalisse,
    e passo allo squallore,
    ieri, o forse era oggi , non ricordo, mento, non ricordo, il tipo allunga un braccio, massaggio di un’ora, comincia a masturbarsi mentre gli massaggio le cosce,sorrido col senno di prima, tutto questo e’ solo la copia di mille resoconti gia’ visti, ritriti, gli dico monsiuer j’suis pas un prostitué, moi, mi vien da ridere perché ho messo su’ un cd dei dead can dance, e soino cosi’ lontano da qui che potrebbe continuare a sborrarsi in mano ancora per ore prima che la cosa prenda la mia importanza per me; lo dico tra patrentesi, un cazzo enorme, poi riprendiamo da poi, il giro di coca infinito al duquenoi, le cabine si aprono si chiudono la gente scopa fra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: