la posso vedere mentre danza senza musica, con seni titanici volti ad un  cielo immaginato oltre il soffitto.

e danza buia e sola nell’oscuro silente verde amaro di una stanza in cui e’ in prigione;

carcerieri invisibili;

PALERMO: LABIRINTI

 la psiche:

nel silenzio dell’ascolto lei accoglie la mia alterita’, mi osserva e tace mentre svuoto la testa, e non osa parlarmi come se mi avesse letto davvero, ascritto ad una delle voci del suo dizionario di psicologia, bene in vista sullo scaffale della stanza nel centro di recupero di tutti gli sbandati di Palermo.

"ci ha le palle" mi dice giuseppe,"non e’ come gli altri psicologi o assistenti sociali del cazzo, questa Samanta e’ speciale”,

giuseppe parla con occhi che potrebbero essere innamorati , o forse e’ il metadone, chissa’.

"ha mandato a fanculo un lavoro di lusso che gli ha trovato suo padre, l’avvocato B., per venire in questo centro di finiti, e piglia una miseria, si vede che ci ha la passione";

Giuseppe dice che la ama, ma io penso che dura finche’ il metadone non gli sembrera’ acqua distillata.

Nella sua stanza la dottoressa Samanta B., dietro una scrivania, ed io mi colloco in una sedia da scuola elementare, vabbe’ vediamo sta tipa che ci ha di speciale, mi dico, e lei zitta un quarto d’ora  dopo avermi chiesto di che voglio parlare, io non so, poi mi fa: perche’ ti chiamano Malacarne,

e se mi piace,

e allora io prendo la parola e comincio a raccontare.

in questa  valle,

invento, mento, ricucio i frammenti , suturo ferite, tutto si tiene, tanto tutte le parole volgono al silenzio da cui nascono, e cio’ che non rammento non e’ mai accaduto, o forse in sogno, un’altra valle, in fin  dei conti tutti i punti di sutura saltano e le mie stigmate piangono dalla mia mala carne,

la mia psiche e’ labirinto tutto di fili, 

io sono  in questa valle per dipanare.

giuseppe nel suo Labirinto

"penso che mi innamorai di Samanta, e lei pure mi vuole, solo che cia’ la dentologia professorale, e non puo’ mettersi con me"

"Io non sono frocio, anche lei me lo ha detto, e’ che ho cominciato a battere per avere i soldi per la roba, se non mi faccio  mi fa schifo andare con gli uomini".

"Certo,gli dico," vai con gli uomini per avere i soldi per la droga che ti serve a dimenticare che vai con gli uomini per avere la droga che ti serve a dimenticare che vai con gli uomini per avere la droga che ti serve"

che dici?

Niente, e’ un mantra.

lui ovviamente non sa cos’e’ un mantra.

in questa valle;

Il Lutto 

il giorno in cui Samanta smette di lavorare tutti gli sconvolti di palermo mettono in lutto;

Sono troppo coinvolta, mi spiega lei, dalla storia con giuseppe;

Samanta e’ tutta un  transfert e controtransfert, io non capisco dove vuole parare, solo che parla dei tanti nomi atroci che puo’ avere la parola che altri chiamano amore.

cosi’ se lo porta a casa, al giuseppe, bello ripulito e pronto, recuperato, lindo e buono a fingere di trovarsi un lavoro-sposarsi-farefigli_buscarsi la pagnotta_cambiare l’olio al motore_le lampadine fulminate_tende alle finestre_votareadestra_state buoni state buoni

se potete;

in questo labirinto, quante segrete.

Sentenza della Notte sovrana.

al fondo della notte, cocci di vetro

Samanta si sveglia e’ quasi l’alba, e’ sola nel letto, nessun rumore in bagno

 va in cucina, apre il frigo, cose cosi’, va al tavolo cerca un bicchiere

forse,

le cade

Giuseppe a terra sotto la finestra

e’ quasi l’alba

in questa valle,

quante segrete,

 una siringa d’amore nei suoi occhi sbarrati,

che ora di certo vedono  il volto infernale della Notte, e scruta sulle sue labbra per riconoscere la sentenza;

inappellabile

e riconeoscere se stesso nell’ALTRO INFERNO.

MUSICA COELI

al suo compleanno portiamo delle rose,

 samanta aspetta molti amici,

IO Nico e Jean Fleur De Laforêt-et-Delamer-aussi, ma tutta la palermo bene leccaculo del padre avvocato voi-sapete-di-chi, ora e’ sparita, nessuno, nemmeno l’ex marito,i cugini,

perche’ Samanta e’ scesa nella notte. parla di dionostropadre e di cose che vede lei sola,

e solo noi tre le crediamo, perche’ abbiamo visto

beati coloro

Poi mentre noi mangiamo la quarta porzione di torta, beviamo vino di prima qualita’, lei si eclissa in cucina;

io la spio dall’uscio;

e’ nell’angolo in cui penso abbia trovato morto Giuseppe.

Samanta ha la camicia aperta sul petto, i suoi seni titanici transustanziati sfidano il mondo, oscilla i capelli e danza, abbracciandosi da sola,  seguendo una musica che viene, sono pronto a giurarlo

dall’alto dei cieli;

con occhi di nubifragi lei balla nel buio ed oggi, chissa’ perche’ la mia parola grida il tuo nome,

Samanta, martire e santa.

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • malacarne  Il giugno 15, 2005 alle 10:55 PM

    amarantide,meglio tardi che mai….

  • lefty333boy  Il giugno 15, 2005 alle 11:05 PM

    Certo, vai con gli uomini per avere i soldi per la droga che ti serve a dimenticare che vai con gli uomini per avere la droga che ti serve a dimenticare che vai con gli uomini per avere la droga che ti serve”

    che dici?

    Niente, e’ un mantra.

    🙂 un màntra = in greco è la stalla 🙂

  • anonimo  Il giugno 16, 2005 alle 1:10 am

    inchinarmi alla tua poesia mi sembra superfluo e fuoriluogo. Curiosità: ma la tua è storia o fantasia?

    Yuki, molto critica dal punto di vista letterario, fan del blog.

  • klingsor  Il giugno 16, 2005 alle 8:50 am

    fratuzzo, un giorno mi piacerebbe raccontarti la storia di F, sacra puttana impazzita d’amore per un notissimo deputato socialista ormai da tempo deceduto.
    (no, non è bettino :-P)
    :-*

  • amarantide  Il giugno 16, 2005 alle 2:52 PM

    grazie, non ci speravo più, ma è stato ancora più toccante leggere a sorpresa la storia di s.b.
    “ed oggi, chissa’ perche’ la mia parola grida il tuo nome,
    Samanta, martire e santa”…

  • amarantide  Il giugno 16, 2005 alle 3:03 PM
  • zombieglam  Il giugno 16, 2005 alle 3:35 PM

    ogni cosa e realtà e fantasia assieme. e solo pochi sanno il segreto. che fantasia è in realtà fantasia e realtà solo menzogna.

    ringrazio sempre tutte le volte che vengo qui e leggo e un brivido mi scorre per la schiena. ci si sente vivi ascoltando il malacarne. anche a noi zombie.

    e dio sa se ci proviamo a stare buoni. ma abbiamo nelle vene qualcosa che non è sangue. forse fiele.

  • Dankan  Il giugno 16, 2005 alle 5:49 PM

    un bacio al sapore del ricordo….:))

  • anonimo  Il giugno 17, 2005 alle 12:33 am

    amaruccia,ho esitato tanto, ho cercato di inventare, invece e’ uscita quasi solo la verita’, spero S.B. non lo legga mai, e’ un post che forse dovro’ cancellare,potrebbe essere troppo doloroso, a volte mi chiedo se c’e’ un limite alla testimonianza,se non l’ho gia’ superato troppe volte, se non sarebbe il caso solo di parlare dei morti a cui nessuno e’ sopravvissuto. Mi chiedo dove finisce la testimonianza e inizia la crudelta’…p;s; il tuo aleph formicaio non mi fara’ dormire stanotte;)

  • anonimo  Il giugno 17, 2005 alle 12:38 am

    dankan, i ricordi sono gatti che graffiano se li stringi troppo al cuore Zombie , le nostre vene sono mitridatizzate, sopravvivo al mio fiele come tu al tuo, pero’ a volte stilliamo sangue=vivo e chi ne beve non sempre sopravvive…baciamo le mani a tuttiquanti…

  • anonimo  Il giugno 17, 2005 alle 12:40 am

    leftycino, in effetti la situazione di g. era piuttosto stallatica che “mantrica” (ammesso che si possa dire…

  • anonimo  Il giugno 17, 2005 alle 5:44 PM

    mes compliments!
    Un po’ citrulla e un tantino biancaneve, molto molto sfigata.
    Pretendere che un marchettaro possa cambiare-letende-l’olioalmotore-farelaspesalsupermercato, cose così. Uno che prova le marchette alle marchette torna.
    Un copione che non si illumina.
    Ma allora il mantra che lo reciti a fare? se non ti porta da nessuna parte?
    Non è più parola illuminata, ma labirinto di catene e tu sei il Minotauro e Arianna non riesce a portarti fuori.
    Che sfizio ci trovi, poi, a fare tutte le volte la stessa strada??
    Boh! Magari sei autistico e non lo sai….

  • amarantide  Il giugno 17, 2005 alle 9:18 PM

    la crudeltà sta nei fatti, non nella testimonianza. e credo che, se S.B. leggesse questa tua testimonianza, si sentirebbe meno sola sotto quel cielo immaginato oltre il soffitto.
    forse sì, qualcosa dovresti cancellare: quel _votareadestra_ non mi pare si addica ad una che “ha mandato affanculo il lavoro di lusso che gli ha trovato suo padre”.
    p.s. il nastro di moebius è di escher, non mio 😉

  • lefty333boy  Il giugno 17, 2005 alle 11:43 PM

    Quanto costa ? 😉

  • lefty333boy  Il giugno 18, 2005 alle 9:48 PM

    allora? 😉

  • amarantide  Il giugno 18, 2005 alle 10:32 PM

  • anonimo  Il giugno 18, 2005 alle 10:33 PM

    amarantide,S. e’ diventata forzista…ha fatto pure campagna gratuita su un quotidiano locale palermitano…

  • anonimo  Il giugno 18, 2005 alle 10:34 PM

    non tutti migliorano con la FOLLIA…

  • amarantide  Il giugno 18, 2005 alle 10:34 PM

    questo non me lo avevi detto, prima 😦
    però è fuori di sè, possiamo perdonarla?

  • amarantide  Il giugno 18, 2005 alle 10:35 PM

    hai letto la mail?

  • anonimo  Il giugno 18, 2005 alle 10:38 PM

    io l’ho gia’ perdonata,

  • orsarossa  Il giugno 18, 2005 alle 10:42 PM

    sono tornata mala.qui respiro bene.non soffoco.la tua stanza e’ stretta e senza finestre eppure ci sto bene.
    e mi pare di vederLa.

  • orsarossa  Il giugno 18, 2005 alle 10:50 PM
  • anonimo  Il giugno 18, 2005 alle 10:59 PM

    bellissima foto, grazie

  • hornyfunky  Il giugno 19, 2005 alle 10:05 PM

    è sempre un piacere leggerti…

    baci kekka

  • lefty333boy  Il giugno 19, 2005 alle 10:19 PM

    ti porto a Monte Athos :-O

  • anonimo  Il giugno 22, 2005 alle 6:29 PM

    Mi piace il tuo blog, sa di vita vissuta.

    Ed io, la vita vissuta, l’adoro, pur se ormai me la sono lasciata alle spalle.

    Anyway, ti metto tra i miei link. Il che non conta un cazzo, ma temno ad informare quando lo faccio. Magari uno non vuole, e mi dice ‘oh testa di cazzo, toglimi dai link del tuo blog di merda’, ed io allora provvedo. Ok. Mi sono spiegato.

    A leggerti presto:-)

    [Neubauten]

  • amarantide  Il giugno 23, 2005 alle 1:57 PM

    ed oggi, chissa’ perche’ la mia parola grida il tuo nome,
    marin putain,
    fratello nella voglia di fuggire.

  • ladystardust  Il giugno 23, 2005 alle 3:34 PM

    Conoscevo una, molto bella ricca e ‘perbene’, che se non erano tossici, impicciatissimi eccetera, non se li prendeva. Più gliene facevano passare, più li amava. Dopo anni è finita a farsi pure lei, di brutto. Leggendoti ho finalmente compreso il suo Amore, pur contando le volte in cui essendo anch’io, al tempo, mezza zombizzata, ho pensato fosse solo una cogliona. Mi ha fatto molto bene.
    Baci, e facci sapere del volo su Parigi. Abbagliali tutti! anto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: