eretto al dopo, imbrunisco di non ricordo, sono presente come l’america, così contemporaneo al mio 11 settembre, così macerie, da poter giustificare qualsiasi atrocità ai miei occhi del mondo genuflesso.

aspetto sul bordo giallo smussato della linea 1, pantegane grosse come un braccio si litigano un pezzo di hot dog alla senape e jelly tra i due binari sguazzando nel rivolo di fogna a cielo aperto, come denti di forcone tubi e vene cave nere di grasso e lampadine fulminate come la notte, il diavolo veste donna karan e brooks brothers;

il tipo lavora a Wall street in un ufficio d’avvocati o chissà, mi paga l’ora ma non ha un ‘ora di tempo solo tre quarti di pausa pranzo e il tempo del taxi.

mi dice ok a Park Avenue che io penso sia un parco e invece è un grappolo di grattacieli e io sbuco alla sua luce di lusso versione statunitense ovvero over size, dopo un tragitto crucis di linee sotto terra fra pattume ingombro di binari e persone tutto superfluo solo il consumo é essenziale, a Times Square per cambiare linea rifletto  se invece di giocare a Risiko Kamtchakta Q8 Ira(n)q quel simpatico bambinone psicopatico stanziasse fondi per esportare la civiltà fino alla metropolitana o l’aeroporto JFK che aspettiamo un’ora in coda sotto la pioggia per solo poter entrare nel magazzino caserma del terminale, il mondo avrebbe meno lacrime e maionese azzurra da ingoiare:

invece

sta un cartello su di un leggio nell’atrio prima di accedere al bancone del portiere in livrea che ti avverte che nessuno puo’ entrare senza prima essere annunciato, e allora mi annuncio come ospite di Mr X che mi attende nel suo loft: 

il tipo vuole sniffarsi le mie scarpe da ginnastica miste di sudore e coca mentre mi masturbo in piedi su di lui e che gli sborri di sopra, quando mi sono rotto mi riempio la bocca di saliva e la sputacchio isocrono gemendo.

crede al mio orgasmo per fede come un fondo fiduciario a un tanto per cento, ma tanto la sua schiena non sente la differenza e il suo Cartier lo avverte che non ha tempo per sottigliezze spermatiche, e intasco 120 dollari che avevo già da prima sul comodino, io vado tipo pizza boy scendo mentre lui si doccia:

 Il taxi è già sotto che aspetta. Lui ignora il vero colore dell’america sottoterra. Io vado in metro, scavalcando lo sbarramento con un saltino come tutti quando il controllore al guichet non guarda

il più delle volte , immagino, il Controllore  chiude gli occhi, come me, per vedere l’altro paesaggio, quello rosato, quando la luce spietata dei nei filtra attraverso le palpebre chiuse.   

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • klingsor  Il dicembre 22, 2006 alle 10:37 am

    fratuzzu gusti the big Apple? e pensare che quel logo là, quello con il cuore è pure griffato – proporrei un blog apposito di come un guaglione italico possa griffare sopra la griffe 😉 magari ci si risente, il progetto non l’ho mollato, non trovo il payoff, lo slogan.
    ecco

  • lefty333boy  Il dicembre 23, 2006 alle 2:37 am

    we hate america :-))

  • orsarossa  Il dicembre 23, 2006 alle 11:03 am
  • anonimo  Il dicembre 28, 2006 alle 9:25 pm

    lefty I’m fucking hating this shit, buon ano nuovo

  • lefty333boy  Il dicembre 28, 2006 alle 10:15 pm

    [audio src="http://xoomer.alice.it/lefty/New%20York%20City%20Boy.mp3" /]
    A KISS AMOUR- ti auguro a VERY HAPPY NEW YEAR -te lo meriti davvero
    tamo tutto TALENTO :-))

  • anonimo  Il dicembre 28, 2006 alle 10:24 pm

    klingsoror, sai che mi han detto che sta melanzana si chiama bog apple perché una volta le little apples erano le ragazze delle case di tolleranza in NY e dal momento che ce n’erano ovunque…devo cercare loa notizia…

  • anonimo  Il dicembre 28, 2006 alle 10:27 pm

    orsa grazie della foto e buon ano nuovo anche a te

  • LockedHeart  Il dicembre 29, 2006 alle 2:03 pm

    sorprendentemente incredibile. davvero un bel blog e una buona mano a scriverlo…a presto…

  • mugnolo  Il dicembre 29, 2006 alle 2:12 pm

    Che bella scoperta questo blog!

  • anonimo  Il dicembre 30, 2006 alle 12:02 pm

    grazie,
    le fiamme ancora altissime
    e c’é tanto da bruciare

    la parte per il fuoco, siamo la cenere che torna il vortici
    indietro attraverso il fuoco,
    ridiventa carta
    solo per poco
    scintilla

  • Vibaa  Il gennaio 3, 2007 alle 12:36 pm

    MalaFRate, spero di sentirti presto.Mi manchi. Baci.

  • inconsapevole  Il gennaio 5, 2007 alle 4:53 pm

    tanti Auguri, compà.

  • jerbamara  Il gennaio 27, 2007 alle 10:22 pm

    ehi, ma ti sei perso in quell’Oriente occidentale?
    fatti sentire 🙂

  • lefty333boy  Il gennaio 27, 2007 alle 10:35 pm
  • anonimo  Il gennaio 30, 2007 alle 12:05 am

    ANTONELLO DE PIERRO E CARLA SOLARO AL MARE

    Il direttore di Italymedia.it Antonello De Pierro e la nota attrice tintobrassiana Carla Solaro in tenerezze al mare.
    Per notizia la Solaro è la protagonista del calendario 2007 di Italymedia.it.
    E’ stata raccomandata o è stata scelta casualmente?
    A voi la risposta.

    Per vedere il servizio fotografico

    http://fotogossip.tripod.com/antonellodepierro/antonello_depierro_carla_solaro.htm

  • anonimo  Il luglio 11, 2008 alle 10:38 pm

    ANTONELLO DE PIERRO e FRANCESCA BERGER in un locale di Roma

    Era da tempo che cercavamo di pizzicare in atteggiamenti intimi il noto giornalista Antonello De Pierro, direttore di Italymedia.it, voce storica di Radio Roma, nonché leader del movimento nazionale Italia dei Diritti, con Francesca Berger, moglie del grande attore e regista Helmut Berger. Ed eccoci riusciti: la bella e fascinosa consorte dell’ex pupillo di Luchino Visconti non sembra aver resistito alla corte serrata che da molto tempo le fa il sosia italiano di Nicholas Cage, noto anche per le sue numerose conquiste. Negli ambienti mondani si vocifera che De Pierro abbia perso talmente la testa che avrebbe chiesto alla signora Berger addirittura di convolare a giuste nozze, ma anche se sembra che questa sia stata lusingata dalla romantica proposta, giuridicamente ciò non risulta possibile in quanto il matrimonio con Helmut Berger non le permetterebbe di accettare.

    Per vedere il servizio completo:

    http://fotogossip.tripod.com/antonellodepierro/antonello_depierro_francesca_berger.htm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: