Ancora una mutazione: vorrei credere alla palingenesi, e che sono sacro e senza peccato pronto ancora  a scagliarmi

lapidario.

 o forse queste ombre dentro disegnano,

in ghirigori di grigiori, 

 solo variazioni di buio nel bosco.

Lond/on

so, switch on

lavo piatti a 5 pounds 35, e’ sempre lo stesso buio grigio umido fuori dalle vetrate del First-Out, all’ombra dei quaranta piani sfregiati del Central Point. Il tipo non mi riconosce subito, sara’ che avevo un pantalone militare e un gilet di pelle al nostro appointement, sara’ che stava pressocche’ tutto il tempo in ginocchio, aspettando di espiare un peccato  di cui tutto ignoro pulendo le mie scarpe da tennis.

La prossima volta metti le boots, mi dice, immagino intenda gli anfibi, dovrei comprarli in Camdem Town.

A Candem Town la parlata terrona e polentona di tipi con crestine multicolor e fighe fucsia al braccio che dicono, fingendo di ignorare che tutta la provincia italica si e’riversata qui per l’estate e dunque tutti dobbiamo sopportare le loro cazzate:

Londra e’ fastastika, puoi fare quel cazzo ke te pare, puoi non lavarti un mese e nessuno te dice gniente.

la tipa accanto a lui con capelli fucsia e cardigan infeltrito messo al rovescio, cioe’ abottonato dietro, gli risponde, girandogli le spalle: senti mi abbottoni che cio’ fredo…

I see it’s coming this fucking vacuum,

 when I loose my ego

just be ready for the huge vertigo

 

pagano a settimana, chiedo di fare piu’ ore al cafe’,

non ho lavorato molto, troppi italian students new in town popolano le riviste  gay e sti negri  ce l’hanno tutti 10 inches, porcodio, non voglio tornare in agenzia, non voglio tornare in agenzia, pago altri novanta sterile per un’altra settimana di advertising, magari metto una foto meno sbiadita, magari anch’io sto biadendo come lei. 

poi finisce il mio turno, i sandwich rimasti li mettiamo via per i poveri, lasciandoli sul cornicione davanti la vetrata del cafe’, che magari passano e li prendono, col cellofan a proteggerli dalle piogge. Almeno nei giorni in cui non abbiamo fame noi.

sul bus tornando a casa, scarto un panino all’ Humus.

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • orsarossa  Il agosto 15, 2007 alle 2:34 am

    io solo una cosa ti dico.
    ti voglio un gran bene mala..e sono sempre felice quando appari qui.

    come un piccolo angelo dorato portato a spalla nella processione del venerdi’ santo.

    *Orsa

  • anonimo  Il agosto 16, 2007 alle 2:42 am

    ciao orsa, nei giorni in cui piove davvero, anche una sola parola e’ un baldacchino che mi protegge la doratura…se solo queste stigmate smettessero di sanguinare…

  • orsarossa  Il agosto 22, 2007 alle 7:22 PM

    se smetti di sanguinare diventi un angioletto qualsiasi 🙂

  • malacarne  Il agosto 25, 2007 alle 9:54 PM

    e forse in fondo noi non lo vogliamo, ma come sarebbe bello, mettersi in volo davvero, piuttosto che questo infinito precipitare

  • orsarossa  Il agosto 25, 2007 alle 10:13 PM

    noi non possiamo piu’ scegliere..
    stammi vicino mala.

    certe volte ho paura.

  • fuggevoleombra  Il settembre 7, 2007 alle 12:57 am

    l’ombra non è quasi mai abbastanza.

  • anonimo  Il settembre 17, 2007 alle 12:51 am

    un bacio
    ciccio

  • lefty333boy  Il settembre 17, 2007 alle 12:54 am

    I see it’s coming this fucking vacuum,

    when I loose my ego……..I see it’s coming this fucking vacuum,

    when I loose my egoI see it’s coming this fucking vacuum,

    when I loose my egoI see it’s coming this fucking vacuum,

    when I loose my ego

  • anonimo  Il settembre 20, 2007 alle 11:10 am

    ..che bello! ho sempre sognato di leccare tutto di te….
    monella

  • orsarossa  Il settembre 21, 2007 alle 2:24 am

    a camden io mi sentivo a casa ma certo io sono una povera ragazza di provincia li’ c’erano tutti i miei miti di ragazzina in una strada
    e poi i manganelli degli sbirri a seven sisters mi hanno svegliato

    ciao mala
    qualche volta passa
    mi fa piacere se ti vedo

    *o

  • 180chiliDgrasso  Il settembre 29, 2007 alle 11:43 am

    fratuzzu, degenerato? rigenerato? insomma, dammi tue notizie.

    Mentre precipiti, trova un pò di tempo.

    Baci siciliani.

  • zombieglam  Il ottobre 7, 2007 alle 1:32 am

    aspettando di espiare un peccato ho fatto la muffa, malaca’
    miseria.
    ora mi tocca pagare a peso d’oro un uomo gobbo che mi dica cosa fare e come ricucire tutto.

    però attardati un poco nella capitale d’inghilterra, se puoi. potremmo vederci in quel di camden town, io facendo finta d’essere autoctono imitando un accento cockney. o qualcosa del genere.

  • kkosta  Il ottobre 9, 2007 alle 3:09 PM

    fratuzzu missing/desaparecido, ho scoperto l’inutilità dello star male ma non so dirti dove, fa un cenno che gaimmai mi arrivò nulla, magari se dico che sono klingsoror new look dici che può servire? si si

  • regulus21  Il ottobre 13, 2007 alle 10:46 PM

    Vai, Malaca’, che sei il meglio! 🙂

    (torna subbito, ‘stu bbloggh aspiett’a ttè :))) )

  • anonimo  Il ottobre 19, 2007 alle 7:42 PM

    ciao fratè

  • madmapelli  Il ottobre 22, 2007 alle 12:20 am

    arrivo qui grazie ad un link di orsa. sono i link che ti portano dritta in mezzo ad una storia. Tornerò.

  • Dankan  Il ottobre 23, 2007 alle 12:37 am

    cazzo,immagino che ormai l’avrai finito il panino all’humus e pure vomitato credo

  • jerbamara  Il novembre 17, 2007 alle 4:20 PM

    insomma, vuoi farti vivo, da una parte o dall’altra??? niente blog, niente telefono, niente msn!

    london: release our malacarne!

  • whathefuck  Il novembre 29, 2007 alle 11:45 PM

    non ho mai viaggiato. mi vien voglia ogni volta che ti leggo così come mi vien voglia di di suonare (e vado depresso) ogni volta che sento un disco DECENTE…

  • Dankan  Il dicembre 2, 2007 alle 10:17 PM

    buon natale sottovuoto.Raf.

  • metalonion  Il dicembre 15, 2007 alle 2:23 am

    Malacarne, seguo il tuo blog da anni.. l’ho linkato ai miei amici più stretti per renderli partecipi di cosa leggevo durante le mie giornate, davanti a chi piangevo leggendo un blog.
    Ed ora ti ho ritrovato.
    Quasi quasi piango.
    Oppure vengo a trovarti nel cafè e cambiamo vita insieme.
    Grazie di tutto quello che mi hai dato. Finalmente te l’ho detto.

  • whathefuck  Il dicembre 15, 2007 alle 2:31 am

    🙂

  • amarantide  Il dicembre 24, 2007 alle 10:33 PM

    non riappari nemmeno a natale?
    °_Q

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: