dal mio loculo templare

 in rue charlot,

9 metri quadri irti di chiodi e spine 

la tetra luce penetra secreta,

 riflessa contro il muro di fronte,

neanche una siepe. una lastra di cemento il mio sepolcro

 cupo  oltre le sbarre – odore di latrine

e candeggina.  

come da bocche di lupo oltre le barre atroci mostra le fauci,

 la poca luce grigia la mattina

sbrana il cuore e i suoi archivi.

abbraccio tutti i fantasmi

 all’infinito

 se solo da questa gabbia potessi immaginare

oltre il muro

il mare 

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • anonimo  Il marzo 10, 2010 alle 1:29 pm

    il mare d'inverno, almeno, che porta in sè la promessa dei giochi estivi.

  • malacarne  Il marzo 10, 2010 alle 11:54 pm

    invece s'é pure rivelato umido questo loculo, dietro il letto e i due scaffali i muri piangono

  • regulus21  Il marzo 14, 2010 alle 7:39 pm

    Il mare è dentro di te. Con i suoi abissi e le sue creste bianche. Che bisogno hai di vederlo all'esterno?

  • lefty333boy  Il aprile 8, 2010 alle 10:25 pm
  • anonimo  Il aprile 22, 2010 alle 1:19 am

    Bisogna immaginare Sisifo felice.Penelope

  • anonimo  Il aprile 26, 2010 alle 10:18 pm

    Complimenti. Amore a prima vista. Ti ammiro e invidio come scrivi.

  • lefty333boy  Il aprile 26, 2010 alle 10:33 pm

    la poca luce grigia la mattina

    sbrana il cuore e i suoi archivi.———————

  • anonimo  Il maggio 14, 2010 alle 7:46 am

    fratuzzu habet una idea, sempre la stessa mailz? soror

  • anonimo  Il maggio 19, 2010 alle 8:16 pm

    salve soror, semper idem

  • dorianadevecchi  Il maggio 24, 2010 alle 1:47 am

    se solo la gabbia potesse immaginare di quanto pulsare vi è all'interno allora si aprirebbe per lasciare spazio al domani

  • Dankan  Il luglio 29, 2010 alle 10:01 pm

    un saluto …da tanto tanto tempo:):) dankan

  • anonimo  Il ottobre 21, 2010 alle 8:02 pm

    Fai qualcosa contro questa lenta agonia: o stacchi la spina (gi-ro-gi…ro…ton…dooo) o torni a fare una trasfusione di sangue vivo a questo povero diario.
    Altrimenti vengo a prenderti anche se non stai più nella cella templare di rue Charlot!

    OT: le lettere di controllo qui sotto formano la parola "tostix" 😀

  • orsarossa  Il ottobre 21, 2010 alle 10:10 pm

    torna..Malacarne..*

  • anonimo  Il novembre 6, 2010 alle 10:34 pm

    torniamo a confessare qui i nostri peccati, Padre.
    Non ho mai amato, non sono mai stato felice.
    Quel che mi rimane di lui e' solo una riga stanca sotto gli occhi.

    zombie.

  • anonimo  Il novembre 7, 2010 alle 11:49 am

    ecco il sangue arriva , tra vampiri e danze macabre….

  • amarantide  Il febbraio 19, 2011 alle 3:31 pm

    ancora mare d'inverno…

  • amarantide  Il febbraio 19, 2011 alle 3:35 pm

    Rileggendola quasi un anno dopo, mi commuove. E' una delle cose più belle che hai scritto.

  • orsarossa  Il febbraio 20, 2011 alle 12:14 pm

    si.
    sei tu*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: