on/

                                dalla finestra socchiusa

                                                                       clacson e sirene e le grida multilingue,

i lampioni aranciano  sbilenchi i sassi sconnessi                        della stradina biforcuta,

 questa strada di turisti ubriachi di anonimato che pisciano contro i muri di questo centro storico

ma io non ricordo di quale città e di quale storia.

sarà che persi il dio, mentre quest'alba scherza ad apparire.

le trame si ingarbugliano e dal gomitolo di strade e nomi e rime e ore esce un fantasma di vita.

la mia, per il momento 

turn off/

ed io sento  la tipa che dice all'amica:

questa notte ho la figa calda,

e ridacchiano poi si allontanano verso i disco bar e club di questa zona rossa dove abbiamo trovato tavola e quartiere.

turn on/

sorrido, poi con un calcio allontano il mio cliente che si rincantuccia un momento prima di chiedere "ancora" che lo colpisca in faccia vittorioso con le mia Nike air (che ho dovuto comprare apposta per la sessione con lui, ma tanto sono iniziati i saldi e questa prosa mi uccide).

accendo una sigaretta presa dal suo pacchetto di Davidoff rosse poi ricordo che ho smesso di fumare anni fa e non ho voglia dunque la spengo sulla sua mano sudata.

turn off/

il giorno che comprai per la prima volta le Davidoff lo feci per il disegno del pacchetto cosi' elegante, avevo 15 anni ed era come fumare un profumo con la puzza sotto il naso dandosi arie di malandrino.

  turn on/

mentre il cliente assapora la suola delle mie scarpe troppo nuove che sanno di gomma dice deluso io esamino il pacchetto di sigarette tra il riverbero delle due candele accese e la lamella di luce arancione che fa capolino fra due tende nere animate dalla brezza notturna.

mentre il cliente si riveste – ne sono quasi certo – da quella fessura di luce é entrata in questa tomba un po' di vita.

da troppi giorni vivo la notte infinita immemore e sono crocifisso a questa ruota

off/

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • regulus21  Il luglio 9, 2011 alle 8:08 pm

    Ogni tuo ritorno è atteso come la speranza attende la fortuna.
    Solo che questa è cieca, tu ci vedi benissimo: vedi il degrado e la luce (seppure a lamelle arancioni); vedi la morte e le vivissime urla del presente.
    E ogni volta è un bellissimo regalo. Grazie.

  • anonimo  Il luglio 14, 2011 alle 12:54 am

    grazie a te che leggendo-Mi-dai Vita. La vera vita é Qui fra le righe e le lamelle di luce. Fuori, nella "durata" , il tempo é fermo o ciclico e asfittico, ed é di nuovo notte. Io mi inebrio di anonimato e sono pronto a tutto ricominciare.

  • anonimo  Il luglio 17, 2011 alle 9:34 pm

    fratuzzu 😦 . k.soror

  • anonimo  Il agosto 14, 2011 alle 10:54 pm

    Questo blog è davvero longevo e di ciò gioisco.
    Avrò eternamente la curiosità di leggere l'antico post "satana e il suo servo" che è svanito nel vuoto, unico caso, mi pare, tra tutti i tuoi parti/aborti verbali. Perchè?

    ti ho amato, mai vedendoti, qua nel mio piccolo universo stroboscopico

    E.

  • anonimo  Il settembre 15, 2011 alle 12:31 pm

    il cuore batte ancora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: