raccontami per ricordarti.

Gent, il giorno dopo.

città tramata di canali, austera come un ossario , fiamminga e umida e nera.

scambio parole in francese sul divano anni settanta di Barth, l’avvocato che ospita Carlo. lui  fuma e segue l’eco dei suoi misteri, forse di un colpo di pistola.

vedi come vivo adesso? cosa rimane? volevo spaccare il mondo, ed ora i cocci sono miei. a 25 anni sei finito, oppure diventi come loro, quella parola, malacà, la dicevi sempre.

integrato.

ecco, tu sei bravo con le parole, ti ricordi tutte le cazzate che mi raccontavi e pure la vita nostra di merda mi pareva più bella a sentirtela dire, era come vederla nei film. Malacarne, ricordati di raccontarmi.

mi stai facendo paura, che cazzo c’hai , andiamo via domani da qui, da qualche altra parte.

sono vecchio, mi dice,

porcodio hai 24 anni!

fra due mesi 25 , e comunque nessun posto è per me, ora.

e allora?

allora io resto .

Tre mesi dopo parlo al telefono con Barth. Singhiozza ed il suo francese è aspro e arcano.

atroce come un mistero.

Promettimi di raccontarmi. ricordati.

Per noi, diceva sempre, non scende mai la manna.

Aveva occhi castani ed intensi. Prima portava capelli ingellati all’indietro, poi gli caddero.

non aveva mai perso l’accento napoletano, ecco un particolare molto narrativo.

Carlo era stato regina delle notti parigine, cantava

j’suis la reine du comptoir,

la reine du trottoir

non ricordo più di chi fosse la canzone. ricordo solo la piega che facevano le sue labbra.

baciare la canna di una pistola –

per noi non scende mai la manna, diceva – nel giorno del suo ultimo compleanno.

ti spedisco la tua storia, figlio di puttana. la tua fottutissima storia.

come promesso.

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • whathefuck  Il ottobre 22, 2003 alle 8:54 PM

    Anche questo mi sembra stupendo. Saluto.

  • lataddarita  Il ottobre 23, 2003 alle 11:14 am

    i miei occhi castani s’intonano all’autunno, che dicono non esserci più, forse anche i miei occhi.

  • anonimo  Il ottobre 23, 2003 alle 12:55 PM

    raccontarlo per farlo esistere ancora.raccontarlo per ricordarti tu, malacarne?che triste epilogo, per chi c’è ancora.

  • anonimo  Il ottobre 23, 2003 alle 12:56 PM

    stupendo. ripetitivo dirtelo ma necessario. scrivi in modo stupendo.

  • ladystardust  Il ottobre 23, 2003 alle 1:29 PM

    una parola sola: g r a n d i o s o!!!!!!
    complimentoni
    Anto

  • lysandracoridon  Il ottobre 23, 2003 alle 2:40 PM

    Qualcuno sta cercando di usurpare il mio posto di prima visitatrice! Sarà una guerra all’ultimo clik! Come stai, mio caro? Ti mando un bacio con lo schiocco.

  • anonimo  Il ottobre 23, 2003 alle 4:20 PM

    riuscirà la mia farfallina preferita (anche se fosse ultima in classifica;) a tener testa al “maudit” livefast …?

  • anonimo  Il ottobre 23, 2003 alle 4:22 PM

    x sosetta, c’è una nuova puntata della blognovella-anonima;)

  • Dankan  Il ottobre 23, 2003 alle 4:41 PM

    ciao malacà,fai un salto da me.

  • Redeipavoni  Il ottobre 24, 2003 alle 12:04 PM

    Sono qui nel sogno di pagine che si piegano per dare vita a una colomba rapace.Sono qui nelle righe sudate.Sono qui negli attimi traffiti dall”eternità.
    Io sono qui…

  • malacarne  Il ottobre 24, 2003 alle 12:42 PM

    in un labirinto di luce..

  • sosetta  Il ottobre 24, 2003 alle 7:21 PM

    grazie malacà per rendermi la protagonista della blog-novella. però io se fossi lo sceneggiatore indugerei maggiormente sull’ambiguità che un personaggio, all’apparenza troppo dolce come il mio, può nascondere…non so, che ne pensi?

  • sosetta  Il ottobre 24, 2003 alle 7:23 PM

    la virgola mettila dopo il dolce e non il mio. credo.

  • sosetta  Il ottobre 24, 2003 alle 7:24 PM

    la punteggiatura è subdola.bastarda.

  • anonimo  Il ottobre 24, 2003 alle 8:43 PM

    dolce Sosetta avevo sospettato abissi di lussuria (il rapporto saffico con PJ, la morbosa attrazione per il sesso “Anonimo” un passato legato alle sadiche pratiche dell’ Inquisitore ) , ma la tua confessione di depravazione e questo orgoglio nel perpetuarla! ti chiamerò Zo-zzetta;)))

  • anonimo  Il ottobre 24, 2003 alle 8:47 PM

    anzi dottoressa Sosetta e miss Zozzetta, sdoppiamento, clonazione o gemelle? lo vedremo nelle puntate seguenti in onda su bloganonimo (sempre che non ci cacci;)

  • cutthecameinhalf  Il ottobre 25, 2003 alle 2:00 am

    lacrima di came suggella il finale. cut.

  • malacarne  Il dicembre 28, 2003 alle 6:06 PM

    come promesso. buon natale anche a te , stronzo. non ho smesso di dimenticarti, eppure, vorrei, non dovevi lasciarmi in questa merda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: