ascolto il respirare…

ascolto il respirare di quest’uomo,

notti magnacce e senza fine sanguiniamo. e mi accartoccio in un lenzuolo: questo fra poco, ma ora:

troppa la luce del giorno, ciò acceca. quanti riflessi chiari nei risvolti del lenzuolo, la finestra di questa stanza aperta e vedo.  laggiù il vasto mare: in  un cartellone pubblicitario. il lenzuolo azzurrissimo attende in onde bluastre e molli: il mio sudario, ma ora:

ascolto il respirare di quest’uomo nel letto. è poco più che un ragazzo visto nel sonno, non si è voltato a dirmi sei tornato, ma so che ha gli occhi aperti contro il muro.  

Mauro non devi più uscire la notte. lui non mi vuole chiamare Malacarne, usa un nome anch’esso di seconda mano, usato e senza senso. ma ora:

domani parte per V. in Sud Tirolo, gli è finita la licenza, torna fra gli alpini, sul cappello sul cappello, vieni con me , dice, c’è una lunga penna nera.

a fare cip e ciop sugli alberi? chiedo,

sei uno stronzo. a noi serve da bandiera.

credo abbia ragione , ma ora:

se non vieni con con me parto in missione.   

la notte ha bisogno di me , dovrei dire, ma questo lui non può ascoltarlo, sono parole di sogno , o lo fai o non lo fai un sogno, non puoi spiegarlo. contiuo a scrivere per finire la notte. la mia missione è più esigente.

io  tramo continuamente la notte penelope urgente per allungare il giorno, perché all’alba sia il sole e ancora e ancora.  a volte, se drogato,  credo che se non veglio  la notte intera –  vivo l’oscurità – infine  il  giorno non risorgerà neppure.

la troppa luce acceca , vieni con me –  mi dice, a noi serve da bandiera, sopra i rami , un giorno mi sarebbe bastata una parola , dimmi solo una parola ed io sarà PERDUTO

queste parole: vieni  con me , ed io avrei lasciato tutto forse, fulminato sulla via ,

caduto in estasi per troppa luce, ma ora:

cos’è questo abisso morbido? forse  che non posso in vero  amarla, troppa luce, solo averne nostalgia, ma ora:

 so che lo abbraccerò nel sonno, fra lenzuola tiepide azzurre, questo fra poco, posso concederti persino questo,

 ma domani.

 abbiamo le stesse iniziali, fratello, mi ha detto, e rideva come un bambino  di questa stupida coincidenza.

stringo gli occhi, cristo, quanta luce. brucia.   

 

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • lysandracoridon  Il aprile 28, 2004 alle 7:50 am

    Buona notte (giorno). Cerca di non fare incubi.

  • inconsapevole  Il aprile 28, 2004 alle 12:48 PM

    bellissimo. prima o poi verrà fuori quella parte di te.

  • zombieglam  Il aprile 28, 2004 alle 12:59 PM

    ah. maledetto. mi hai fatto commuovere di nuovo. le mie lenzuola oggi sono azzurre. con le nuvole. ma sono sempre fredde. ho voglia di amore, lo sai. ma credo che lo scambierò sulla strada per il domani con una smodata quantità di sesso. dovrei cominciare a vedermi pure io. forse qualcuno potrebbe addirittura comprare…

  • regulus21  Il aprile 28, 2004 alle 2:04 PM

    Bastardo! Quanto sai essere poetico!Fa male, molto male…

  • malacarne  Il aprile 28, 2004 alle 2:14 PM

    ciao zombie, il tuo lapsus è stupendo, veNdermi- vedermi, chissà che a forza di vendermi non abbia finito col vedermi davvero, la quantità di sesso industriale è un ottimo succedaneo di quella parola da Incubo che non voglio pronunciare- che un giorno qualcuno disse . tu non hai diritto a pronunciare Lys l’incubo sarebbe davvero questo spegnermi nel giorno , quando per la troppa luminosità finta uno finisce con il non vedere niente di se stesso nè dell’altro, basta che uno sia disposto ad addomesticarti perché tu accetti. Ma domani? P:S: Per fortuna è andato via, prima di uscire: torno presto, posso guardare una cosa in internet? guarda il sito volareweb trova un volo palermo-milano, partenza il mercoledì 14 , volo a 5 euro + tasse a tratta, dice: lo prendo, come se prendesse una malattia, o un abbaglio, costa un cazzo, sui trenta euro il tutto , se vuoi il biglietto ora ce l’hai ed il tempo per riflettere pure; in sette giorni dio ha fatto il mondo, tu puoi decidere che devi fare, no? In sette giorni dio ha fatto il mondo e s’ è pure riposato ,gli rispondo, non ho trovato di meglio da dire. non so se è un bene o un male.

  • wilDBoy  Il aprile 28, 2004 alle 4:01 PM

    Grande. Dire di si potrebbe essere così facile, adesso, un si e tutto si risolve, un si e potrai essere addomesticato, appunto. E domani, domani, cos’è domani? Chi se ne frega di domani? Ma poi ti ritrovi a fare i conti con la luce, e capisci che non si tratta di tempo, non si tratta di ieri o oggi, si tratta solo della luce. Paradossalmente, una luce che anzichè illuminare acceca…. Un giorno, forse, i tuoi occhi si abitueranno anche ad essa….

  • lysandracoridon  Il aprile 29, 2004 alle 12:03 am

    Pare che si prenda limonando con i gatti! 😉

  • disagi  Il aprile 29, 2004 alle 8:56 PM

    sei letteratura. sei un esperimento. non ci sei. sei solo un blog di letteratura. bello però. mi piacerebbe che tu esistessi. ma sei finto. e non capire male.

  • regulus21  Il aprile 29, 2004 alle 11:50 PM

    Il bello è che Malacarne NON esiste! E noi pendiamo dalle sue… labbra come tuareg smarriti in cerca di fresche oasi.Malacarne è l’esperimento di un folle, e il suo blog è nutrimento per noi che di normale abbiamo pochissimo.D’altronde, se incontro una persona sul web, mi piace per come scrive, non per come cammina. E Malacarne mi piace follemente! Non per questo io debba essere un pervertito, e lui per forza un prostituto.

  • lefty333boy  Il aprile 29, 2004 alle 11:54 PM

    verissimo…!!!

  • wilDBoy  Il aprile 30, 2004 alle 2:16 am

    Beh, esperimento o meno il blog mi piace. Anzi, se è un esperimento, chi l’ha portato avanti è, come scrivevo prima, un grande. Per me non ha la minima importanza cosa esso sia….

  • inconsapevole  Il aprile 30, 2004 alle 4:55 PM

    io un’idea cel’ho. ma non lo dirò mai.

  • Dankan  Il Maggio 2, 2004 alle 8:04 am

    ciao.dankan.. :))

  • malacarne  Il Maggio 2, 2004 alle 2:46 PM

    come un cerchio, tutto finisce come è iniziato, nel dubbio che sia vero, sto dubitando anch’io di me stesso, eppure vi ho detto dove trovarmi, sarebbe stato facile- alcuni lo hanno fatto, ho conosciuto due che mi leggono – ho detto dove mi troverete da ora in poi molto di rado, non più qui. ma la carne sola vive adesso. scrivo l’ultimo testo, chissà che non risorga. un abbraccio fortissimo a chi mi ha aiutato a scrivere fin dall’inizio, voi sapete chi siete, i miei “legami”;))

  • lysandracoridon  Il Maggio 2, 2004 alle 2:49 PM

    Smettila che sto per mettermi a piangere

  • anonimo  Il Maggio 2, 2004 alle 3:18 PM

    fratellino lontano, dove posso andare in cerca di te??:-)

  • anonimo  Il aprile 29, 2005 alle 4:12 PM

    non vorrei spezzare la magia dei rigidi
    corpi impiccati in eiaculazioni fatali e dei fossili filamentosi di amplessi perduti;
    ma avrei una curiosità:
    salvatore gliel’ha passato davvero l’uomo nero al represso, aggiudicandosi il titolo di angelo nero?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: