nei sogni che faccio al mattino è sempre notte, tutto cio’ é già accaduto:

NEW YORK CITY BOY

e sono solo dentro una latta cromo, evito la chiazza di vomito sotto un sedile e trovo posto nel vagone successivo passando fra le due porte, in bilico sulla passerella fra i due vagoni, oscillo.

 a due fermate dal Bronx, non mi sono sentito tanto bianco, tanto anomalo, fuoriluogo, nell’interno della scatola di tonno della subway, e appeno arrivo alla 183esima e sguscio fra le sbarre trinciabambini che stanno al posto delle porte girevoli  il vecchio sdentato mi fa ehi papy got twenty-five cents?

 penso cazzo non posso perdermi a New York i’m gonna be a part of it, é tutto in una griglia meridiani paralleli street avenue ma poi chiedo ad uno colla faccia di latino – infatti é dominicano come tutti i niuorkini che non viaggiano in taxi o in limousine a dieci ruote – E quello mi indica la strada da riprendere.

la dominicana da cui dovrei alloggiare  vende roba da travesta e coca e compro quattro troiate giusto per rivenderle tre volte tanto in Europa, ma poi girero’ il giorno dopo per i negozi trovo roba uguale meno cara e lascio la stanza e la puzza di broccoli e la camera adibita a negozio, piena di scaffali di roba rubata intrugli da piccolo chimico non so se della figlia di nove anni perennemente di fronte la tv in spagnolo, un reality show in cui una sedicenne va a vivere con un trentenne drogato che ha tre relazioni contemporaneamente di cui una con una travestita, e la vuole fare prostituire, la sedicenne,  e guardacaso ci sono le telecamere nascoste, e allora il padre di lei cerca di ucciderlo e la madre pure nell’allegra trasmissione a cui tutti sono invitati: poi la ragazza si inginocchia di fronte alla madre e chiede perdono e che non lo farà più di andare con uno sfruttatore tossicodipendente che le fa le corna, ne scegliera’ uno fedele.

ho voglia di gridare ma sorrido, prima che stermini la famiglia appena scopro che mi ha fregato la dominicana gonfiando i prezzi della roba, e poi magari ci sono telecamere nascoste anche li’ come nei reality show: prendo il primo hotel che trovo sulla mia lista. 

West side Inn sulla 107, una stella cadente d’hotel, le pareti si liquefanno luride di colori sovrapposti, le porte mai scrostate e ridipinte come la metropolitana, un palinsesto di vernice per rimpinguare il briciolo di storia. E ancora mi chiedo se gli americani considerino storia le lampadine fulminate nere di sporco fuliggine e grasso attaccate ai tubi che infilzano i soffitti della metro, luci sostituite da nudi neon altrettanto rachitici.

Siccome ci hanno dato la camera accanto al bagno costa 11 dollari di più, ma non ho voglia di fare storie e chiedo solo se posso fare entrare amici, almeno ammortizzo il viaggio.

 Quanto a restare a viverci JC appena messo piede all’aeroporto si guarda intorno e dice: ho perso tre amici sulle navi da carico, li hanno trovato morti nei barili, dopo sette giorni di viaggio, uno é riuscito ad arrivare, ed é questo che hanno trovato? E sputa sulla terra promessa/

JFK mi ricorda la caserma del Celio,  stessi neon incerti, sporcizia, vetri precari, vecchio, ovunque guardi vedi solo bruttezza.

Christopher street non é come la ricordavano i miei sogni, una piazzetta dove sei neri in tute XXXL occupano le panchine non occupate inutilmente da George Segal, spazio perso.  

muovo ondeggiando guappo come solo nei sogni posso fare senza ridere. Sputo sul  marciapiede e mi accorgo che ho tracciato una scia di lumaca, col senno di poi.

scivolo guappo per strada.  fra i denti una canzone di mie invenzione. in un night store entro e compro una bibita alla citrosodina e due merendine ricoperte di plastica e cioccolato al gusto di delta airlines. 

Chiedo quanto costa il suvenir delle torri gemelle in cristallo chiuse in una vetrina how much does it cost l’Empire Building giallo banana iridescente la statua della libertà corazzata che non ci puoi salire solo circumnavigare gratis insieme a tutti i disoccupati di new york sul traghetto vecchio peggio del messina-reggio calabria. E il souvenir costa 280 dollari il più piccolo tipo 250 euro della mondadori e il più grande? 

mi si accosta un uomo davanti le porte del sex shop con vetrine in cuoio e vinile, christopher street é esattamente la New York come vedi nei telefilm che tu credi anni ’70 e pensi com’erano avanti gli americani, e tutta NYC é come la vedi nei telefilm e pensi c’era Bush padre e come erano attrezzati e poi ti accorgi che é l’epoca del figlio e dello spirito santo e amen, invece é oggi: come eravamo noi in europa quando ero bambino.

 siamo in un vicolo di pattumiere e scale antincendio in ferro ruggine troppo alte per essere raggiunte. Tutto cio’ é già accaduto.

<!–

–>

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • anonimo  Il dicembre 11, 2006 alle 8:09 PM

    complimenti per il blog!
    luporfeo

  • whathefuck  Il dicembre 13, 2006 alle 1:12 am

    hello, maestro. sputo anche io sulla terra promessa dove tutto sa di viaggio e sudore. dove tutto prende il sapore del biglieto che hai portato in tasca.

    tutto ciò è accaduto. lei è una parte di mondo.

    di un mondo che ho conosciuto e nel suo giallo eterno, interiorizzato. si ricorda?

    io sì.

  • puttanieri  Il dicembre 17, 2006 alle 8:32 PM

    Davvero complimentoni

  • lefty333boy  Il dicembre 17, 2006 alle 10:03 PM

    sweetest love vedo che non sono l unicoa non amare new york .-) è ancora non ho nemmeno vomitato tutto quello che mi è successo- welcome to the future” hell ” kitchen jungle
    lick

  • malacarne  Il dicembre 21, 2006 alle 4:59 PM

    what a fuck sono a venuto a fare qui? tutto questo era avvenuto in un giallo conturbato e dentro un taxi per Penn station mi domando se forse S Francisco la cronica o New orleans anticiclonica fanno per me, se esiste un luogo:
    Lefty I Hate New York, vista da qui da questa fogna che chiamano metro
    civilizzato è un termine vuoto, progresso pure:

  • lefty333boy  Il dicembre 21, 2006 alle 7:33 PM

    I Hate New York, 2 🙂

  • regulus21  Il marzo 11, 2007 alle 1:46 am

    Perfino Madonna la paracula e canta “I love New York”… quindi vuol dire che fa proprio cagare 🙂

  • anonimo  Il settembre 25, 2007 alle 11:50 am

    IO VOGLIO SOLO AMORE ARGENTEO E SOLO UN CUORE SEGRETO HO PER TE E UN MARE DI SESSO E BACI INCOMPIUTI.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: